Immigrati: nei primi mesi del 2016 i rifugiati erano meno del 5%

immigrati

foto: blog.lucafadda.it

Quello degli immigrati che arrivano in Italia continua ad essere un tema di cui si parla molto in televisione e sui giornali, ma la politica sembra non aver trovato ancora soluzioni concrete. Nel frattempo le commissioni per analizzare le richieste d’asilo degli immigrati continuano a lavorare, e i dati sono sorprendenti.

DATI GENNAIO - Il 29 aprile 2016 il sito del Ministero dell’Interno ha pubblicato i dati sui numeri dell’asilo in Italia nei primi tre mesi del 2016, e ne esce fuori un quadro tragico e desolante. Soltanto al 3% degli immigrati le cui domande d’asilo sono state analizzate a gennaio è stato riconosciuta la posizione di rifugiato. All’11% degli immigrati è stato riconosciuta la protezione sussidiaria, al 21% la protezione umanitaria, mentre al restante 66% è stato negato l’asilo perché non ne aveva diritto.

DATI FEBBRAIO - La situazione non fu diversa un mese dopo. Al 4% delle richieste d’asilo degli immigrati analizzate a febbraio è stato riconosciuto lo status di rifugiati, al 12% è stata riconosciuta la protezione sussidiaria, al 17% la protezione umanitaria, mentre hanno avuto esito negativo il 67% delle richieste.

DATI MARZO - Durante il terzo mese dell’anno il trend è stato lo stesso. Il 4% degli immigrati le cui domande sono state analizzate a marzo sono stati riconosciuti come rifugiati. All’11% degli immigrati è stato riconosciuta la protezione sussidiaria, al 17% la protezione umanitaria, mentre al 68% è stato negato l’asilo.

PROVENIENZA - Nei primi tre mesi del 2016 la maggior parte delle richieste d’asilo analizzate sono state presentate da immigrati pachistani: ben 4161. Al secondo posto ci sono le domande d’asilo degli immigrati nigeriani: 3621. E i siriani che scappano da una guerra sanguinaria e dall’autoproclamato Stato Islamico? A marzo sono state analizzate 87 richieste d’asilo di immigrati siriani, a febbraio 26, mentre a gennaio le richieste siriane erano così poche che il sito del Ministero le ha inserite nella macro-categoria “altri”. In compenso, sono state analizzate molte domande di immigrati cinesi (53 a gennaio, 73 a febbraio, 124 a marzo), marocchini (112 a gennaio, 106 a febbraio, 113 a marzo), albanesi (19 a gennaio, 33 a febbraio, 41 a marzo), indiani (42 a gennaio, 48 a febbraio, 50 a marzo).

Giacomo Cangi

@GiacomoCangi

foto: blog.lucafadda.it

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews