Il Premio Strega a Edoardo Nesi

È Edoardo Nesi il vincitore della sessantacinquesima edizione del Premio Strega.

Poco fa, nella tradizionale cornice del Ninfeo di Villa Giulia e al termine di una serata di gala condotta seconde le formule di rito, è stato assegnato a Storie della mia gente il riconoscimento letterario più importante del panorama culturale italiano.

Confermate dunque tutte le previsioni della vigilia, che davano lo scrittore e il gruppo editoriale di appartenenza come favoriti; Bompiani infatti, casa editrice sotto Rizzoli, mancava da diverso tempo la vittoria, che negli ultimi anni era stata quasi sempre a esclusivo appannaggio di Mondadori.

Il libro vincitore si legge come un testo a metà tra romanzo e saggio, con un retroterra prettamente autobiografico, quello del passato imprenditoriale nella Prato tessile dello stesso autore. Sotto l’onda della concorrenza cinese, ma soprattutto delle promesse mancate della globalizzazione, Nesi ritrae la provincia italiana e i suoi cambiamenti, illuminati dalla luce malata del dissesto economico e della perdità d’identità. Un libro però – lo scrittore ci ha tenuto a sottolinearlo anche stasera – “di resistenza”.

Gli altri finalisti della “cinquina” erano L’energia del vuoto (Guanda) di Bruno Arpaia, Ternitti (Mondadori) di Mario Desiati, La vita accanto (Einaudi) di Mariapia Veladiano e La scoperta del mondo (Nottetempo) di Luciana Castellina.

Continuano comunque ad aleggiare, anche durante alcuni momenti di dibattito della serata, le richieste pressanti di cambiamento e svecchiamento del riconoscimento, soprattutto in relazione al sistema di voto, all’interno del quale i giurati possono contare su un diritto vitalizio. Richieste tuttavia che, per bocca degli stessi organizzatori della manifestazione, non sembrano essere ben accolte e che non lasciano particolari spiragli per le edizioni future. Uno sguardo al pubblico e alla giuria lasciano in effetti più di un dubbio sulla freschezza del Premio Strega.

 

Marina Cabiati

  Foto preview http://www.wuz.itì;  libri/storia-della-mia-gente;

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews