Il Photofestival invade Milano

MILANO – in seguito al Photoshow romano (30 marzo-2 aprile), da una decina di giorni e per ancora un mese (fino al 12 maggio), la città meneghina è letteralmente invasa da eventi legati alla fotografia: merito della sesta edizione di Photofestival, il circuito espositivo esclusivamente dedicato al medium fotografico, da quest’anno appuntamento annuale per la città.

Organizzato da AIF-Associazione Italiana Foto & Digital Imaging, in collaborazione Camera di Commercio-Unione Confcommercio Milano e con Startmilano, la kermesse nasce per valorizzare il settore del Photo and Digital Imaging e offre al pubblico di appassionati e professionisti, amanti dell’arte e del réportage, occasioni culturali e formative, scientifiche e d’intrattenimento.

Tramite l’organizzazione di oltre 90 appuntamenti sparsi per la città, che coinvolgono gallerie d’arte e spazi espositivi di Milano, il Photofestival  è una formula nata per creare un network all’interno del tessuto culturale cittadino, ruotando intorno ad autori conosciuti e sconosciuti, alle gallerie, agli spazi espositivi e alle iniziative collaterali, mediante un percorso di mostre storiche e contemporanee.

L’apertura del festival si è svolta all’interno di quel gioiellino liberty che è Palazzo Castiglioni in corso Venezia 47 a Milano, progettato dall’architetto Sommaruga e costruito nei primi anni del Novecento: qui sono ospitate, fino al 17 aprile (orari, lun-ven 8:30-18), le personali di tre giovani fotografi italiani: Volti positivi di Silvia Amodio, a cura di Roberto Mutti (un’indagine sulla piaga dell’Aids e un esempio di come dietro ai numeri, alle statistiche vi sono le persone), Divercity di Luciano Bobba, a cura di Mariateresa Cerretelli, e Still Life di Cristiano Ossoli, a cura di Chiara Chiapparoli e Veronica Iurich.

Alcune fotografie in quattro degli spazi espositivi

Altra novità della sesta edizione è il Premio AIF: MostraMI. Studiare fotografia a Milano, ideato da AIF e rivolto agli studenti di fotografia di Milano. Un’apposita giuria di principali esponenti del settore dell’arte contemporanea selezionerà l’opera più rappresentativa, tra quelle esposte dal 3 maggio presso lo Spazio Concept (via Forcella 7, Zona Tortona): la mostra riunisce il meglio della produzione delle scuole e delle accademie di fotografia milanesi: Accademia di Belle Arti di Brera, Accademia Teatro della Scala, CFP Bauer-Afol, IED Istituto Europeo del Design, Istituto Italiano di Fotografia, Scuola Milano Cinema Televisione.

Sul fronte dei video, poi, è prevista venerdì 11 maggio alle 21, presso il Cinema Palestrina (via Palestrina 7), la proiezione di A Man Within di William S. Burroughs, documentario in lingua originale di Yony Leyser sulla vita dello scrittore della Beat Generation. Prima dell’inizio del film documentario sarà proiettata una selezione di lavori appositamente realizzati dagli studenti della scuola Milano Cinema e Televisione-Fondazione Milano.

Una serie di incontri e dibattiti dedicati al tema della comunicazione visiva e del medium fotografico, con i principali attori del settore, costelleranno l’intera manifestazione, che si unisce, in una celebrazione completa della fotografia, a MIA – Milan Image Art Fair, appuntamento fieristico riservato alla fotografia e alla video arte (dal 4 al 6 maggio presso Superstudio Più, via Tortona 27).

Il programma della manifestazione è consultabile sul sito, e anche sul blog (photofestivalmilano.tumblr.com) dedicato al Photofestival; infine, per districarsi meglio nella città, saranno distribuite circa 5.000 guide gratuite all’interno dei punti di informazione più significativi (come le gallerie aderenti, Fnac, Hoepli…).

Segnaliamo tuttavia alcuni momenti d’interesse: i réportage di Alex Webb (Fondazione Forma, piazza Tito Lucrezio Caro 1, dal 26 aprile), il progetto Habitat, costituito da fotografie, video, incontri (RamStudios c/o la Fabbrica del Vapore, via Procaccini 4, dal 24 aprile); gli scatti di Emiliano Mancuso per raccontare il nostro paese (Fnac, via Torino angolo via Palla); un’indagine sul momento della prima colazione di Philippe Daverio (Antonia Jannone, corso Garibaldi 125). E un réportage che racconta la Seconda Guerra Mondiale, Sotto le bombe di Hitler. La battaglia d’Inghilterra, collettiva della SSPL – Science & Society Picture Library, a cura di Alessandro Luigi Perna (Casa di Vetro di via Luisa Sanfelice, dal 5 aprile).

La Galleria Carla Sozzani fino al 22 aprile ospita le fotografie di Alice Springs, pseudonimo di June Newton, fotografa e compagna di Helmut Newton; la Galleria Artra, in zona Porta Romana, dedicata i suoi spazi all’artista austriaco Oliver Ressler che, tra immagini e video, ruota intorno all’attualissima crisi del capitalismo finanziario, tradizionalmente inteso.

Numerosissime le gallerie coinvolte e gli spazi espositivi, da Riccardo Crespi a Nicoletta Rusconi, da Suzy Shammah a Zero, dallo Spazio Forma al Museo Pecci Milano alla Triennale.

Siamo ancora lontani dal Mois de la Photo di Parigi, ma certamente, mediante questa manifestazione, si può definire Milano la capitale italiana della fotografia. Forte di un collezionismo maturo e di curatori e operatori competenti, può dirsi pronta a ospitare una manifestazione di respiro internazionale grazie al patrimonio fotografico raro posseduto da gallerie d’arte, istituzioni pubbliche, musei e archivi storici, oltre a vantare un pubblico curioso e partecipe.

Dice Dario Bossi, Vicepresidente AIF Associazione Italiana Foto & Digital Imaging e Presidente  Ascofoto, Associazione dei commercianti e professionisti del settore della fotografia: ”in un momento di difficoltà economica come quello attuale vogliamo testimoniare il nostro impegno in un settore, come quello della cultura, che è di importanza fondamentale per la vita di tutti. Vogliamo ricordare di come le fotografie siano parte estremamente vitale della nostra società, come testimoniano anche i recenti fatti di  attualità internazionale, quali ad esempio la vicenda dei Marò in India”.

L’arte della fotografia non come orpello ma come voce, testimonianza, espressione di attualità.

Benedetta Rutigliano

Photofestival a Milano dal 3 aprile al 12 maggio 2012

Palazzo Castiglioni, dal 3 al 17 aprile, orari: lun- ven 8.30-18.

Spazio Concept dal 3 al 12 maggio, orari lunedì-domenica 16-19.30.

Cinema Palestrina, 11 maggio, ore 21

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Una risposta a Il Photofestival invade Milano

  1. Pingback: Il Photofestival invade Milano | Made in India

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews