Il Pallone d’oro 2014? Lo merita Neuer (e l’avrebbe meritato Buffon)

Il portiere tedesco Manuel Neuer più di tutti merita il Pallone d'oro 2014. Anche per rimediare all'ingiustizia Buffon del 2006...

manuel-neuer-pallone-d-oro-2014

Manuel Neuer (melty.it)

Dagli ultimi rumors, il nome del portiere del Bayern Monaco e della nazionale tedesca Manuel Neuer sembra essere tra i papabili alla vittoria del Pallone d’oro 2014. Non una sorpresa per chi abbia seguito l’annata calcistica appena trascorsa, ma si sa che, storicamente, la figura del portiere non è mai andata d’accordo con il premio, in quanto si preferisce premiare i giocatori più spettacolari, o semplicemente quelli che usano i piedi – essenza del gioco – e non le mani.

SOLO YASHIN, MA CHE RIMPIANTO BUFFON - L’unico estremo difensore che ha ricevuto il Pallone d’oro è stato nel 1963, Lev Yashin (detto il Ragno Nero), grandissimo portiere della nazionale dell’Unione Sovietica. Grandi nomi, invece, come i nostri Zoff o Buffon, sono arrivati al massimo al secondo posto. Il caso dell’attuale portiere della nazionale italiana, che tra l’altro ha rinnovato il suo contratto con la Juventus fino al 2017, è forse il più eclatante. Una vera e propria ingiustizia quella di cui è stato vittima Buffon nell’anno dell’emozionante mondiale 2006, quando il Pallone d’oro andò al pur ottimo Fabio Cannavaro. Parliamoci chiaro: l’ex capitano della nazionale italiana aveva sì disputato un ottimo mondiale, ma se tra i pali ci fosse stato un altro portiere difficilmente avremmo passato una serata di festa in quell’indimenticabile 9 luglio 2006.

Il numero 1 della Nazionale quel premio lo meritava, mentre si accontentò di finire nella lista delle ingiustizie, insieme a campioni del calibro di Baresi e Maldini. Colpa anche di una categoria, quella del portiere, che parte sempre con punti in meno rispetto ad un difensore o un’attaccante. Ma quest’anno si è convinti, senza ombra di dubbio, che il premio debba andare a Neuer. Negli ultimi due anni l’estremo difensore tedesco ha mostrato qualità inarrivabili, riuscendo ad impressionare sempre di più ad ogni partita. Poi, elemento non trascurabile, ha vinto tutto con Bayern Monaco e Nazionale, tanto per convincere anche quella parte della giuria che tende a dare peso ai successi in campo internazionale.

NEUER, PORTIERE 2.0 – Manuel Neuer racchiude in sé tutte le caratteristiche che fanno di un portiere il numero 1 per eccellenza. Ma con il portiere tedesco, il ruolo dell’estremo difensore ha fatto letteralmente un salto in avanti, diventando una sorta di libero con i guanti, a partire dalla posizione. Non è inusuale difatti vedere il tedesco posizionato a circa venti metri dalla sua porta, ad impostare il gioco attraverso lanci dalle retrovie o chiudere in uscita spericolata nella propria trequarti.

Un gigante, in tutti i sensi, con margini di miglioramento ancora enormi e, a 28 anni, una carriera tutta da scrivere. Che porta con sé un unico difetto: la mancanza di un premio individuale di peso come il Pallone d’oro. Magari ancora per poco.

Roberta Consorti
@RobConsorti

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews