PHOTOGALLERY – Il Museo del Riciclo e l’arte di far rivivere i rifiuti elettrici

"AdalGhisa", opera di Paolo Lo Giudice

“AdalGhisa”, opera di Paolo Lo Giudice

Possono i pezzi di un ferro da stiro o di una vecchia lavatrice trasmettere emozioni? Possono eccome, quando interviene la mano di un artista a dare loro vita e personalità. Alla diciassettesima edizione di Ecomondo, in programma a Rimini Fiere dal 6 al 9 novembre, per il quarto anno consecutivo il Museo del Riciclo mette in mostra alcune sculture realizzate con materiali di scarto. Originali opere che ti fanno un po’ sognare, ma allo stesso tempo intendono sensibilizzare con forza sulla necessità di un corretto smaltimento dei rifiuti, con un’attenzione particolare ai RAEE (Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche).

Quella di Rimini è un’occasione per offrire uno spazio fisico al Museo del Riciclo, la vetrina virtuale voluta da Ecolight – il consorzio per la gestione di RAEE, pile e accumulatori – per dare visibilità agli artisti che operano utilizzando materiali di rifiuti. A Ecomondo si potranno così vedere da vicino robot, androidi, insetti futuristici e altri animali frutto di una creatività che pare non avere limiti, come un re Leone realizzato con un rasoio elettrico, o un pinguino fatto con parti di frullatore.

Spiega Walter Camarda, presidente di Ecolight: «Portiamo un messaggio di valore in quella che è la più grande vetrina dedicata all’ambiente. Il progetto Museo del Riciclo, nato tre anni e mezzo fa, è un modo per stimolare e accrescere la sensibilità sul tema dei rifiuti. I RAEE ancora oggi rappresentano una delle sfide più interessanti per l’Europa e l’Italia. Partendo dalla consapevolezza che gli oggetti elettronici caratterizzano quasi ogni momento della nostra vita, diventa quindi necessario raccoglierli e riciclarli non solamente per fornire importanti materie prime seconde, ma anche per  limitare la dispersione di sostanze inquinanti». Diversi tipi di apparecchiature elettroniche, infatti, contengono materiali altamente nocivi, sia per l’ambiente che per la salute dell’uomo.

A questo riguardo, i dati presentati da Ecodom, il Consorzio italiano di recupero e riciclaggio degli elettrodomestici, parlano chiaro: ogni anno sono prodotti dagli italiani 16,3 kg/abitante di RAEE. Tuttavia, pare che solo una piccola percentuale, pari a 4,29 kg/abitante sia consegnata ai Sistemi collettivi, che hanno il compito di recuperare dalle piazzole ecologiche questa tipologia di rifiuti. C’è quindi una significativa parte di rifiuti elettrici che non viene intercettata e sfugge al Sistema RAEE, soprattutto perché smaltita in modo non corretto dai cittadini.

Sono tre gli artisti selezionati per lo stand del Museo del Riciclo. Gaetano Muratore, artista dalla grande manualità, dà vita ai rifiuti costruendo “androidi sognanti”, capaci di movimento, grazie a motori a loro volta recuperati e aggiustati.
Paolo Lo Giudice, invece, è un medico “prestato” all’arte, capace di dare un’anima alle sue sculture, come si può apprezzare nell’”Angolo re-moto”, tenera rappresentazione di una coppia seduta su una panchina fatta con telai, serbatoi e il faro di una moto.
Infine, Davide Lazzarini, il terzo artista selezionato, è il creatore di insetti futuristici, come “Ape Regina” e “Dragon Fly” fatti con motori elettrici, una lampada da tavolo, il meccanismo di una vecchia stufa e un ferro da stiro.

Per apprezzare appieno queste opere, l’appuntamento è a Ecomondo. Lo stand del Museo del Riciclo si trova nella Hall Sud di Rimini Fiera.

Valeria Nervegna

PHOTOGALLERY

1467489_182435491947199_1173066325_n

Foto: Ufficio Stampa Ecolight, Eo Ipso

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews