‘Il mondo non mi deve nulla’: Il ritorno noir di Massimo Carlotto

Recensione del nuovo romanzo di Massimo Carlotto: 'Il mondo non mi deve nulla', una storia noir e malinconica sullo sfondo della crisi

Massimo Carlotto

Il mondo non mi deve nulla – la copertina e l’autore (www.roarmagazine.it)

Massimo Carlotto torna all’antico: con il suo nuovo romanzo Il mondo non mi deve nulla rispolvera la tradizione noir creando una storia agrodolce, dove l’amore e la morte investono le vite di due malinconici protagonisti.

RIMINI – «Tu non sei un uomo da fiori, profumi e vestiti. Rassegnati. Tu sei da cioccolatini». Questa è solo una delle crudeli frasi che l’enigmatica e sfacciata Lise dice ad Adelmo, uno sfortunato ladro della riviera adriatica che si intrufola nel suo appartamento nella speranza di riuscire a raccogliere qualcosa di prezioso da rivendere per sopravvivere. Rimini è ancora sonnolenta: è troppo presto per il caos infernale dell’estate che si avvicina. Gli innamorati si baciano sulle panchine, i bus procedono stancamente tagliando la notte dove si muovono solo i ladri come Adelmo. Talvolta veri professionisti: bande di delinquenti che si aggirano organizzati, sperando in un turista da raggirare, o in una finestra dimenticata aperta.

ADELMO, LADRO PER LA CRISI – Adelmo invece è solo. Non è un professionista, la vita lo ha costretto a imparare imbrogli e sotterfugi. Ma non sa nemmeno da dove cominciare: ha sempre lavorato e sognava un vita tranquilla. Ma la crisi del nostro decennio non perdona: licenziato, con una moglie oppressiva, è costretto a guadagnarsi da vivere in modo illegale. Ma proprio perché è impreparato, lo attende un’esistenza di miseria e squallore. A meno che la fortuna non lo accolga tra le sue braccia, come per la prima volta gli accade quando vede una finestra spalancata al buio, in un quartiere ricco e borghese.

LISE, UNA DONNA MISTERIOSA – Ma quando Adelmo piomba in casa si rende ben presto conto di non essere solo: all’interno trova Lise, affascinante e misteriosa tedesca, con la quale inizia un dialogo intenso e surreale. Chi è questa donna sola? Perché vive in un appartamento borghese, lasciando la finestra aperta in piena notte? Sta aspettando un comune ladro? O qualcosa di diverso e forse più perverso? Adelmo si troverà presto imbrigliato nei meandri di un rapporto breve, sensuale e pericoloso, condotto quasi involontariamente verso un tragico epilogo di amore e di morte.

L’AUTORE - Massimo Carlotto torna a pubblicare un romanzo dopo il successo della saga thriller Le Vendicatrici, scritto con Marco Videtta e uscito per Einaudi in quattro episodi nel 2013. Questa volta l’autore veneto torna al noir, genere nel quale è da diversi anni un maestro indiscusso, a partire dalle avventure dell’Alligatore, per arrivare alla vita del criminale Beniamino Rossini nell’opera La terra della mia anima (Edizioni e/o 2006, 15,00€). Senza naturalmente tralasciare i numerosi racconti su criminalità e malavita pubblicati nel corso di quasi vent’anni di carriera.

Massimo Carlotto

Massimo Carlotto (www.larepubblica.it)

UN NOIR IMPERDIBILE – Ma questa volta il delitto e il crimine sono solo il pretesto per raccontare una storia di disperazione: quella di Adelmo e di Lise, personaggi provenienti da ambienti e ceti sociali differenti, ma accomunati dalla crudeltà di una crisi economica che si muove sullo sfondo come una realtà concreta e spaventosa, tanto spietata da non risparmiare nessuno e da togliere qualunque speranza di riscatto. Il rapporto che si instaura tra i due è al tempo stesso romantico e perverso: da un lato il legame nella sventura appare subito profondo, dall’altro traspare la volontà di spezzarlo come per andare incontro a un tragico e inevitabile destino. Massimo Carlotto in questo romanzo breve, ma terribilmente coinvolgente, recupera le atmosfere cupe e decadenti tipiche del genere noir in cui meglio si muove, ma le utilizza non per dar vita a un intreccio poliziesco, ma a una storia in cui amore e morte giocano una crudele partita con gli sfortunati protagonisti e le adatta a un periodo storico in cui la crisi economica soffoca ogni speranza per chi vi si trova immerso. Un racconto moderno, struggente e malinconico. In una parola, imperdibile.

Massimo Carlotto, Il mondo non mi deve nulla, Edizioni e/o 2014, pp.106, € 9,50

Daniele Leone

@DanieleLeone31

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews