Il giro del mondo è alla nostra portata

Il giapponese Daisuke Nakanishi ha viaggiato per tutto il mondo in sella alla sua bicicletta. 11 anni per compiere l’intero tragitto. Tutte le imprese di chi ha voluto conoscere il mondo sfidando sè stesso

di Adriano Ferrarato

3984356273_da4c05f7b2Marco Polo, nel libro “Il Milione”, racconta del suo incredibile viaggio , appena diciassettenne , attraverso le terre dell’ Asia Centrale e della Cina. Il giovane mercante veneziano aveva così potuto conoscere una parte del mondo che a molti di allora -siamo ancora nel tredicesimo secolo- era ancora ignota. Si tratta della prima grande impresa documentata nella storia dell’uomo. Da allora, il sogno di esplorare il mondo, conoscere e vedere quello che non si è visto, ha influenzato tutti. Lo si vede chiaramente nella letteratura, come ad esempio il romanzo di Jules Verne Il giro del mondo in 80 giorni”. Il desiderio di sfidare i propri limiti ha spinto uomini e donne più o meno comuni a compiere grandi imprese.

Daisuke Nakanishi

Daisuke Nakanishi

Uno di questi individui è un giapponese, Daisuke Nakanishi, che in 11 anni è riuscito a completare il giro del mondo solo armato di buona volontà e della sua amata bicicletta, cui ha cambiato le ruote 82 volte e il cui percorso è iniziato nel 1998 quando aveva ancora 28 anni. Un viaggio lunghissimo e pieno di luoghi, persone, ricordi. In un intervista Daisuke ha confessato di volersi ora dedicare ad una vita regolare fatta di lavoro, casa e famiglia. Ma senza mai dimenticare quello che è riuscito a fare.

Non dimenticherà nulla nemmeno l’ agricoltore argentino Eduardo Discoli che ha attraversato l’America da Buenos Aires a New York, arrivando poi in Europa e successivamente in Israele in 1sella al suo cavallo e ora punta dritto verso l’ Africa. Anche lui è intenzionato a percorrere tutto il globo terrestre. Così come una ragazza australiana di sedici anni, Jessica Watson, che lo farà a bordo della sua barca a vela. Dovrebbe impiegare all’incirca 8 mesi per compiere tutto il tragitto, partendo da Sidney e cercando di battere il record del connazionale Jesse Martin, che aveva già compiuto l’impresa a 2754336604_09b3527a91soli 18 anni.

Non possiamo poi non citare il “nostro” Marino Curnis, che sta intraprendendo una lunga “passeggiata” dall’Italia al Giappone. E di esempi dal recente passato ne abbiamo moltissimi: il giro del mondo in mongolfiera compiuto in 19 giorni dallo svizzero Bertrand Piccard e l’inglese Brian Jones, terminato nel 1999, oppure i 40075 chilometri percorsi sulla propria sedia a rotelle da Rick Hansel, che riuscì ad attraversare ben quattro continenti alla fine degli anni ottanta.

Ci sono poi imprese con meno chilometri, ma comunque straordinarie ed affascinanti: domina su tutte quella del nepalese Babu Chiri che scalò nel 2000 l’Everest, impiegando meno di diciassette ore. Un altro argentino, Emilio Scotto, dal 1995 ha visitato in motocicletta ben 214 paesi.

Sarà per solitudine, desiderio di conoscenza,o pazzia . Resta il fatto che è innato in noi il fuoco di non restare mai fermi sullo stesso punto. Come scrisse  Dante nella divina Commedia: “Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguire virtute e conoscenza”. E proprio queste persone ce lo hanno dimostrato, dicendoci anche che non sono i soldi a muovere il mondo, ma la pura volontà e forza d’animo umana .

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

2 Risponde a Il giro del mondo è alla nostra portata

  1. avatar
    anthonyhamms@yahoo.com 17/11/2009 a 17:14

    Caro Adriano Ferrarato dovrebbe connettersi con Emilio Scotto Italo-Argentino.
    Guinness World Record 1997/2010
    Record Ripley’s “Believe It Or Not 2009
    Book: THE LONGEST RIDE: My Ten-Year 500,000…
    http://www.emilioscotto.com
    http://www.pbase.com/thelongestride
    http://www.pbase.com/emilioscotto

    Rispondi
  2. avatar
    alejandrochiffi@hotmail.com 28/01/2010 a 23:48

    Perché non siete propene a Emilio tradusca Scotto suo libro che l’italiano sarebbe stata la lettura di tutta la tua buenisismo di viaggio

    Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews