Il ddl sul Biotestamento arriva alla Camera ed è già scontro

medicoRoma – L’approvazione del decreto legge per l’introduzione del testamento biologico approda domani a Montecitorio dopo quasi due anni dal primo ‘via’ del Senato. Il voto finale del ddl sul Biotestamento, però, slitterà all’ inizio di aprile. Sul tavolo della discussione sono i seguenti punti principali:

  • Obbligo di alimentazione e idratazione del paziente: il ddl prevede l’impossibilità di sospenderle perché intese come “sostegno vitale”. Diverse, dunque, dalle “terapie” eccetto per i casi in cui si ritenga il sostegno “non più efficace o non adeguato alle condizioni di vita del paziente”. (Modifica attuata alla Camera);
  • Dat: dichiarazioni ufficiali anticipate di trattamento. La dichiarazione entrerebbe in atto se il richiedente fosse divenuto paziente incapace di intendere e volere. La volontà preventivamente espressa può essere avanzata solo da un fiduciario nominato dal richiedente e dura 5 anni. Il medico non è obbligato a tenerne conto.
  • Il Medico: è tenuto, al contraio, a valutare i singoli casi in “scienza e coscienza”. Nella circostanza in cui vi fosse polemica con il fiduciario, verrà nominato un colleggio medico il cui parere, però, non sarà vincolante. (Modifica attuata alla Camera).

Queste le ragioni di quello che si preannuncia come il prossimo scontro tra maggioranza ed opposizione. Il Governo procede per portare a casa un provvediemnto in “difesa della vita” prima che intervengano altre derive della magistratura. Il riferimento è anche al caso di Eluana Englaro, la ragazza in coma vegetativo-persistente da 17 anni per la quale la famiglia ha combattutto giudiziariamente al fine di poter legalmente staccare il sondino gastro-intestinale che la teneva in vita. La donna è ufficialmente morta nel 2009.

Il testo alla Camera è stato, dunque, modificato rispetto a quello esaminato al Senato e dovrà tornare a Palazzo Madama per l’approvazione definitiva.

Nel frattempo l’attenzione intorno al ddl è alta. I Radicali, l’Associazione Luca Coscioni e Lista Bonino-Pannella hanno già annunciano per oggi un presidio a Piazza Montecitorio con lo scopo di “fermare la legge contro il testamento biologico”.

Chantal Cresta

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews