Il boom delle case in legno che piacciono anche agli Italiani

Casa in legno

Casa in legno

Non lasciamoci ingannare dalla parola “prefabbricato”, che ci fa pensare più che altro a una costruzione precaria, leggera. A una baracca. Oggi, le case prefabbricate in legno sono invece sinonimo di sicurezza, alta tecnologia ed ecocompatibilità. E lanciano una chiara sfida al mattone: la quota delle case in legno, sul totale delle costruzioni, è passata in Italia dallo 0,5% del 2008 al 5-6% del 2012. E si prevede di raggiungere il 15% nel 2015.

Solo nel 2012, sono state ben 5.000 le case in legno realizzate, contro le 120.000 tradizionali. Certo, siamo ancora lontani dai trend del Nord Europa, dove le costruzioni in legno raggiungono quote decisamente più alte (il 30% in Austria, l’80% nei Paesi scandinavi), ma ci sono le premesse per una vera svolta. Complice l’attenzione crescente degli italiani verso il tema della sicurezza sismica e dell’efficienza energetica, e grazie anche all’alto livello di tecnologia che ha raggiunto la lavorazione del legno.

È un ottimo isolante naturale, il legno, ecco perché queste costruzioni risultano naturalmente termocoibentate: fresche d’estate, calde d’inverno. Si stima un risparmio di circa il 90% sui costi di riscaldamento e raffrescamento rispetto a una casa tradizionale, cui si unisce la conseguente riduzione delle emissioni nocive in atmosfera. Un altro aspetto ambientale non secondario è il fatto che il legno utilizzato risulta, nella maggior parte dei casi, certificato, proveniente cioè da foreste che sono gestite in modo responsabile, scongiurando il fenomeno del disboscamento. A questo tipo di costruzioni, inoltre, si riconosce la resistenza ai terremoti, conferita dall’estrema leggerezza e flessibilità del legno, e la resistenza all’umidità e al fuoco.

«Si respira un’aria diversa. È un altro modo di vivere»: queste le impressioni di chi ha già sperimentato il gusto del legno, che si aggiungono alla soddisfazione di non vedere rincari durante i lavori. I costi, infatti, risultano chiari e precisi, in quanto i materiali impiegati sono definiti dall’inizio, e le fasi di lavoro del cantiere sono standardizzate.

Casa in legno

Casa in legno

Tempo quattro mesi, e la tua casa è pronta, “chiavi in mano”. Già, perché i tempi di realizzazione sono rapidi. Una volta definito il progetto, la struttura portante della costruzione viene realizzata in uno stabilimento, per poi essere assemblata in cantiere. Materiali naturali, tra cui sughero, canapa e fibre di legno vengono impiegati per insonorizzare e coibentare ulteriormente le pareti e i soffitti. A seconda delle preferenze, la superficie esterna dell’abitazione può essere lasciata con il legno a vista, oppure ricoperta di intonaco, per farla assomigliare ad una casa in mattoni.

Si potrebbe obiettare che una costruzione in legno subisce facilmente il deterioramento e non può durare tanto. Ma è un pregiudizio: «La durata tecnica di queste case – afferma Lignius, l’Associazione delle case prefabbricate in legno – può superare, premessa una ordinaria manutenzione, anche parecchi secoli».

Qualche precauzione? Visto che ci muoviamo in un mercato nazionale ancora giovane, ricco di proposte ma che può anche disorientare, è preferibile scegliere in modo scrupoloso il costruttore e affidarsi ad aziende solide, con buona fama anche internazionale.

 

Valeria Nervegna

Foto: risparmioenergetico.it - caseprefabbricateinlegno.it

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Una risposta a Il boom delle case in legno che piacciono anche agli Italiani

  1. avatar
    Rita 21/04/2017 a 12:27

    Le case in legno sono il sogno di tanti Italiani! Io le trovo davvero belle, comode, calde e accoglienti!

    Rispondi

Rispondi a Rita Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews