Ikea trasferisce alcune produzioni dall’Asia in Italia

Milano – Il colosso svedese Ikea celebra la Settimana del Mobile a Milano confermando il trasferimento di alcune sue produzioni dall’Asia in Italia. Sono in tutto 24 i fornitori nazionali e circa un miliardo di euro gli acquisti che fanno da tempo del Gruppo Ikea il primo cliente della filiera italiana dell’arredolegno: l’8% degli acquisti mondiali di Ikea proviene dall’Italia, al terzo posto dopo Cina e Polonia.

Anche nel 2011 la bilancia commerciale fra l’Italia e il Gruppo Ikea è a favore dell’Italia. Il gruppo, si legge in una nota, compra in Italia più di quanto vende nei suoi negozi nella penisola: l’8% del volume degli acquisti nel mondo viene effettuato in Italia, ma il mercato italiano copre solo il 7% del volume delle vendite mondiali. Il 63% degli acquisti di Ikea in tutto il mondo proviene da fornitori europei.
Recentemente il gruppo ha spostato in Italia, in particolare in Piemonte, alcune produzioni precedentemente allocate in Asia. «Ikea è alla ricerca continua di possibili sviluppi degli acquisti in Italia che punta ad incrementare» afferma l’AD in Italia Lars Petersson.

«Recentemente – conferma – abbiamo individuato nuovi partner italiani che hanno preso il posto di fornitori asiatici, grazie alla loro competenza, al loro impegno e alla capacità di produrre articoli caratterizzati da una qualità migliore e a prezzi più bassi dei loro concorrenti asiatici». La quota dell’8% sale ben al 34% sulle cucine: una cucina su tre venduta da Ikea in tutto il mondo è prodotta in Italia. L’80% degli acquisti in Italia sono mobili, e solo il 20% complementi d’arredo. Le cucine fanno la parte del leone, ma Ikea in Italia acquista un gran numero di prodotti: elettrodomestici, camere da letto, scaffalature, librerie, bagni.

Le prime tre regioni italiane da cui Ikea si approvvigiona corrispondono ai maggiori distretti del settore: dal Veneto proviene il 38% degli acquisti in Italia, a cui seguono il Friuli con il 30% e la Lombardia con il 26%. Ikea acquista nel solo nordest d’Italia più che in Svezia o Germania.

La ricaduta occupazionale collegata a queste commesse produttive è stimabile attorno ai 2.500 posti di lavoro. Se a questi si sommano i 6.600 dipendenti della rete commerciale e logistica di Ikea in Italia e l’indotto generato dai punti vendita, si ottiene una ricaduta occupazionale in Italia pari a circa 11.000 posti di lavoro.

Ikea, durante il Fuorisalone di Milano, presenterà tre novità: la 7a edizione della collezione PS, lanciata per la prima volta proprio a Milano nel 95; Uppleva, il nuovo sistema audio/video totalmente integrato agli arredi e in funzione specifica ad una gestione ottimale degli spazi e degli accessori multimediali; una nuova collezione di tessuti per la casa, il cui impegno creativo si disporrà sull’arco temporale dei prossimi tre anni per aiutare gli italiani a rinnovare e personalizzare il proprio ambiente domestico senza spendere una fortuna.

Natalia Radicchio

Foto via www.adnkronos.com

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews