I cambiamenti climatici influiscono sulla nostra psiche

Due psicologi americani si sono interessati agli effetti che i cambiamenti climatici hanno sull’equilibrio psicologico delle persone e ne hanno così studiato e descritto le caratteristiche sulla rivista American Psycologist.

L’impatto provocato potrebbe essere diretta conseguenza di eventi meteorologici catastrofici, come alluvioni e cicloni, ma può essere dovuto anche alla consapevolezza che l’ambiente stia cambiando sotto i nostri occhi impotenti.

Secondo Thomas Doherty e Susan Clayton, questi i due psicologi, rispettivamente del Department of counseling psychology e del Department of Psychology del College of Wooster, negli Stati Uniti, tra gli effetti diretti del cambiamento climatico sull’equilibrio psicologico vanno innanzitutto considerate le reazioni depressive e gli stati di disturbo post traumatico da stress che si osservano costantemente tra la popolazione esposta ai grandi fenomeni meteorologici.

Anche l’aumento della temperatura sembra però avere degli effetti diretti sul comportamento umano. I due psicologi affermano infatti che la: «relazione causale tra il calore il comportamento violento, e ogni aumento nella temperatura media globale potrebbe essere accompagnato da un incremento del numero di aggressioni violente. Le previsioni consentono di indicare circa 24.000 assalti o omicidi negli Stati Uniti, ogni anno, per ogni aumento di due gradi Fahrenheit della temperatura media».

Non sono da sottovalutare inoltre gli effetti indiretti del cambiamento climatico globale. Le reazioni psicologiche davanti a questo fenomeno sono di diversi tipi: c’è chi sta diventando sempre più ansioso nei confronti del problema, sviluppando vere e proprie preoccupazioni per i rischi che mettono in pericolo la salute, legati al fenomeno del cambiamento climatico. A queste persone si contrappongono coloro che invece sembrano essere quasi indifferenti davanti a questa situazione.

Complice è anche il ruolo dei media, che martellano ripetutamente sul ripetersi di eventi meteorologici catastrofici, così come sul riscaldamento globale, fenomeni che stanno quindi perdendo il proprio impatto emotivo.

Una condizione che gli psicologi hanno chiamato “amnesia ambientale generazionale”, una sorta di incapacità a cogliere le trasformazioni alle quali va progressivamente incontro l’ambiente nel quale le persone vivono tutti i giorni.

Sara Mariani

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews