Hard Rock Cafe Firenze, tutto pronto per l’inaugurazione del 4 luglio

FIRENZE – Mentre si stanno ultimando i lavori di ristrutturazione nelle sale dell’ex Cinema Gambrinus che ospiterà la nuova sede dell’Hard Rock Cafe in Italia, il cantiere ha aperto ieri le sue porte ai giornalisti per svelare alla città le memorabilia che caratterizzeranno la nuova sede fiorentina.

 

Presente al preview anche Giuliano da Empoli, assessore alla cultura e contemporaneità del comune di Firenze, che ha dato la sua benedizione in questi termini: «Hard Rock Cafè Firenze non rappresenta solo un’operazione commerciale, ma si propone anche come un contenitore culturale che servirà alla città per dare un spazio nuovo ai fiorentini. Non è certo il primo in Italia ma proprio per questo rappresenta una proposta già testata e apprezzata». Stefano Pandin, Director of Operations, Hard Rock Cafe Europe ha quindi aggiunto: «Siamo entusiasti di portare il nostro brand in una città come Firenze – ha commentato – Il nostro obiettivo è quello di diventare un vero punto di incontro per la citta’ di Firenze e per le realta’ musicali locali».

 

Ma, tornando al tema principale, tra le memorabilia più in vista: per i grandi The Who, la Vespa GS del film cult Quadrophenia, il basso più famoso al mondo realizzato appositamente per John Entwistle, sempre dei The Who, dalla Alembic Company. Per gli amanti dei Beatles, la giacca di pelle nera di John Lennon, indossata nel film How I Won The War, 1967, da quel film Lennon iniziò ad indossare i suoi tipici occhialini tondi. Alcuni appunti informali di Bruce Springsteen scritti da lui stesso in italiano per il discorso ad un concerto in Italia. E ancora, una lettera della madre di Sid Vicious, Sex Pistols, scritta al suo compagno mentre Sid era all’ospedale di Bellevue dopo l’assassinio di Nancy Spungeon. Ancora, i pantaloni di brillanti indossati da Michael Jackson al live tour 1981.

 

Nella sede di HRC Firenze, la più grande in Italia per dimensioni e forse la più bella nelle caratteristiche estetiche, ci sarà anche lo spazio dedicato alle rock star italiane: non poteva mancare la PFM, con il piatto Zildjian Cymbal firmato per l’Hard Rock da Franz, Roberto Gualdi, Franco Mussida. Dalla band Elio e le Sorie Tese, la chitarra Ibanez RG H57 di Cesareo, il flauto di Elio, la baseball shirt di Faso, e il piatto Sabian Cymbal di Christian Meyer.

Presente all’Hard Rock Cafe anche Giacomo Castellano noto chitarrista fiorentino di fama internazionale per donare una sua chitarra Ibanez Jem Custom Gold, che lo ha accompagnato nei momenti piu’ intensi della sua carriera.

 

 

Piero Pelu’ e Ghigo Renzulli, Litfiba

Tutto cominciò nel 1979 con la chitarra di Eric Clapton, ed oggi Hard Rock detiene la più grande collezione di cimeli musicali esistente al mondo, esposta al pubblico nelle varie sedi.

Durante la speciale cerimonia di apertura delle casse con le prime memorabilia fiorentine, effettuata con gli originali elmetti marchiati HRC, a grande sorpresa sono arrivati anche Piero Pelu’ e Ghigo Renzulli, Litfiba, firmando nel nuovo cafe una delle chitarre di Ghigo e i pantaloni, indossati nel periodo “ElDiablo”, di Piero Pelù. Anche quest’ultimo ha voluto augurare all’Hard Rock Cafe la possibilità di «dedicare in modo nuovo uno spazio per la vitalità della musica locale e delle band fiorentine». Si spera che fiorisca un fortunato connubio variegato anche con i gruppi cult d’oltre-Bel Paese!

 

La nuova sede italiana del Cafè del Rock, che aprirà i battenti nel giorno dell’indipendenza americana, avrà aree di ristorazione interne ed esterne con tecnologia e design di ultimissima generazione. L’estetica sfoggia ornamenti che hanno saputo fondere l’eredità della città di Firenze con l’eccezionale energia trainata dal brand del Rock internazionale. Sono state mantenute infatti le peculiarità strutturali e architettoniche del cinema Gambrinus, che tanto ha caratterizzato la vita culturale dei fiorentini: il Bar, i lampadari, le colonne di marmo, i basso rilievi della galleria, sono gli stessi che erano all’origine.

Che dire, manca solo di assaggiare i piatti – commestibili e musicali – della storica catena di ristoranti tutta dedicata alla musica. Forza Hard Rock Cafe Firenze, siamo già fuori ad attendere trepidanti: all is one!

Natalia Radicchio

Foto| via Ufficio Stampa Hard Rock Cafe Italia

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

2 Risponde a Hard Rock Cafe Firenze, tutto pronto per l’inaugurazione del 4 luglio

  1. avatar
    stk 28/05/2011 a 21:21

    Si, infatti manca solo di assaggiare i piatti, cosa mi pare di capire alquanto secondaria.

    Rispondi
  2. avatar
    Natalia 29/05/2011 a 21:05

    Dici?!

    Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews