Grecia. Ultimo tentativo per l’accordo di governo. Intanto Atene brucia

karolos p

Il presidente greco Karolos Papoulias

AteneKarolos Papoulias, 82 anni, presidente della Grecia, potrebbe salvare il suo paese dal tracollo finanziario riuscendo ad organizzare un governo di unità nazionale. L’impresa pare titanica. I tre partiti di maggioranza: Nea Dimokratia, Pasok, Greci Indipendenti e Sinistra Democratica non trovano alcun accordo sulla politica del rigore europeo firmato nel Memorandum della troika. Oggi si terranno nuove consultazioni dopo i falliti tentativi intavolati da lunedì scorso da Antonis Samaras (Nea Dimocratia, ND), Alexis Tsipras (Coalizione delle Sinistre, Syriza, radicale), e infine dal leader socialista Evangelos Venizelos. Adesso tocca a  Papoulias incontrare i 3 leader per arrivare ad un’intesa.

Nel frattempo, ieri il presidente ha incontrato individualmente i dirigenti dei 4 partiti minori entrati in Parlamento: Panos Kammenos (Greci Indipendenti), Aleka Papariga (Partito comunista), Nikos Michaloikos (Alba dorata, filonazista) e Fotis Kouvelis (Sinistra Democratica).

Il risultato dei colloqui sarà determinante per il destino del paese e del continente. Infatti, se i partiti non dovessero trovare un accordo entro giovedì, sarebbe inevitabile tornare ad elezioni anticipate in giugno. Una turnata che sancirebbe l’avanzata degli antieuropeisti (le sinistre estreme e la destra radicale) portando definitivamente la Grecia fuori dall’euro e verso il default ufficiale.

Per il momento poco o nulla si conosce se non che non c’è accordo. Tuttavia, qualcosa trapela. Pare che Papoulias avrebbe mostrato ai leader una lettera dell’ex premier Lucas Papademos. La missiva del già vice presidente della Banca Centrale europea (Bce) spiegava nei dettagli la grave situazione economica della nazione e il baratro in cui essa cadrebbe senza un governo affidabile agli occhi dei creditori internazionali: svalutazione della moneta al 50%, ritiro della moneta forte, corsa agli sportelli, chiusura degli istituti di credito, totale instabilità sociale.

Nel difficile quadro, il malinteso pare inevitabile. Alcune affermazioni di Tsipras hanno suscitato parecchio scalpore e qualche falsa speranza di raggiunta intesa. Il leader della sinistra, infatti, ha dichiarato che c’era già ‹‹un accordo a tre tra Nea Dimocratia, Pasok e Sinistra Democratica per fare un governo della durata di due anni teso ad attuare il piano di austerità concordato con la Ue››. Frase subito interpretata come l’annuncio di un nuovo governo di coalizione. Poi la smentita. Quella di Tsipras era un’accusa al leader di Sinistra Democratica, Fotis Kouvelis. Egli, a sua volta, ha smentito attaccando duramente Tsipras per arrivare a concludere che il leader di Syriza ‹‹ha superato ogni limite di decenza politica››.

Al momento, l’unica luce di speranza arriva da Kammenos il quale ha dichiarato che ‹‹siamo d’accordo sul fatto che il Paese debba essere governato››. Molti analisti hanno colto in queste parole una certa disponibilità dei Greci Indipendenti ad entrare in una coalizione. Cosa che permetterebbe a Nea Dimocratia, Pasok e Sinistra Democratica di avere 201 seggi sui 300 in Parlamento, sufficienti per un governo stabile. Ed è probabile che ciò sarebbe gradito anche ai greci. Ieri un sondaggio condotto dalla società KapaResearch per conto dell’autorevole settimanale To Vima ha rivelato che l’80% dei greci sarebbe favorevole a rimanere nell’eurozona mentre il 72% dice di non voler tornare alle urne.

Intanto, però, Atene brucia. Stanotte un ordigno artigianale è esploso davanti a un ufficio del fisco ad Atene, facendo danni materiali ma nessun ferito. L’esplosione è avvenuta alle 3:08 (le 2:08 in Italia) a Maroussi, parte nord del centro cittadino. L’ordigno era una bombola di gas, strumento usato dagli anarchici.

Chantal Cresta

Foto | ansa.it

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews