Gli Iron Maiden pianificano i tour con BitTorrent: la smentita

iron maiden

Gli Iron Maiden (iakinthos.wordpress.com)

 

Gli Iron Maiden, i pilastri immortali dell’heavy metal britannico, hanno oggi ricevuto conferma della non veridicità di uno scandalo che li ha riguardati nei giorni precedenti.

I FATTI DELLO SCANDALO - Collaborando con la Musicmetric, un’azienda inglese che effettua analisi del traffico dati sul web, pareva che i padri di Killers sfruttassero i risultati scaturiti dagli studi della compagnia per capire in quali zone del pianeta i loro fan scaricassero maggiormente la loro musica. L’analisi ha focalizzato le ricerche sulle statistiche di BitTorrent, un celebre protocollo finalizzato alla distribuzione di file sul web, in particolare utilizzato dagli appassionati di musica reticenti all’acquisto dei dischi nelle modalità convenzionali. La Musicmetric ha incoronato il Brasile come lo Stato nel quale gli album degli Iron Maiden sono più scaricati e quindi ascoltati dagli utenti di BitTorrent.

MAGGIORI DOWLOAD, MAGGIORI DATE - In base agli esiti degli studi della compagnia, gli Iron Maiden avrebbero poi stabilito una mappa strategica per i prossimi tour, destinati in particolare alle zone in cui si fosse riscontrata una maggiore audience. Tale ragionamento risulta comprensibile se rapportato alla situazione attuale del mercato discografico che vede una netta diminuzione delle vendite di dischi fisici in favore di quelli digitali, dello sharing sulle piattaforme online come Youtube o Spotify o, in particolare, dei download gratuiti da parte della pirateria informatica. Alla luce di tali nuove prospettive, gli Iron Maiden si sarebbero adattati puntando tutto sui live, guadagnando i loro più ricchi introiti proprio grazie alla popolosità di fan nei concerti.

LA CATEGORICA SMENTITA - Tale scottante notizia ha però ricevuto prontamente una smentita da parte di Musicmetric che ha accusato la rivista CiteWorld, fonte di diffusione della news, di aver travisato e descritto erroneamente la loro collaborazione con gli storici Iron Maiden. La risposta all’articolo di CiteWorld, da parte del responsabile delle pubbliche relazioni Andrew Teacher, fa luce su una questione che ribalta la clamorosa rivelazione, puntualizzando di non aver mai lavorato con gli Iron Maiden per creare un tour più remunerativo.

LA VERITÀ DI MUSICMETRIC - Essendo gli Iron Maiden un gruppo super longevo e vantante un’età media molto più alta di altre band attualmente popolari, la compagnia ha voluto scavare a fondo per motivare l’insolita eccezione che innalza gli inglesi sul piedistallo dei più grandi musicisti del mondo, nonostante esistano dal 1975. Gli Iron Maiden quindi non avrebbero sfruttato i dati di Musicmetric per pianificare i propri tour piuttosto, grazie alla loro vasta affermazione nella cultura metal internazionale, l’azienda ha potuto elargire alcune teorie di stampo sociale che collegano la celebrità di un gruppo al numero di download su BitTorrent.

AVRANNO BISOGNO DI TALI SOTTERFUGI? - Vero è anche che gli Iron Maiden, con infiniti Awards e quindici album studio alle spalle, padri di una vecchia scuola che non accenna a svanire, imitati da chiunque giovane appassionato di metal avvii i suoi primi passi nella musica, non abbiano poi così bisogno di conoscere in quali posti vengano ascoltati di più. Probabilmente, questa volta e proprio grazie alla super celebrità dei protagonisti, non esiste davvero alcun sotterfugio ideato ai fini di guadagnare qualche sterlina in più.

Foto preview:

Rachele Sorrentino

@rockeleisrock

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews