Giro d’Italia 2014: dall’Irlanda a Trieste, deciderà lo Zoncolan

Il Giro d'Italia 2014 arriverà a Trieste (cyclingtips.com.au)

Il Giro d’Italia 2014 arriverà a Trieste (cyclingtips.com.au)

Milano – Il Giro d’Italia 2014 si chiuderà a Trieste. L’annuncio è giunto oggi nella sede della Regione Friuli – Venezia Giulia, dove Michele Acquarone, direttore generale di Rcs sport, e Mauro Vegni, direttore dell’organizzazione del Giro d’Italia

, hanno comunicato il percorso delle ultime due tappe della corsa rosa 2014.

Piazza Unità accoglierà l’ultimo sprint del Giro d’Italia 2014, come accadde nel 1966 (il Giro andò a Motta) e nel 1973 (Eddie Merckx). Sarà un modo per celebrare il 60° anniversario del 1954 quando, dopo quasi dieci anni di divisione post-bellica, la città di confine tornò interamente territorio italiano.

Sarà una festa tutta della regione Friuli – Venezia Giulia, con una due giorni che oltre a chiudere la corsa, deciderà anche le sorti e il vincitore del Giro d’Italia 2014. Sabato, infatti, i corridori affronteranno le pendenze dello Zoncolan, che sarà così l’ultimo arbitro della gara per la maglia rosa. E domenica l’arrico a Trieste, con il suggello per il vincitore.
Un investimento notevole per la regione – si parla di 650 mila euro – ma anche un investimento sul turismo e una grande pubblicità per tutta l’area. «Ottenere un finale così del Giro d’Italia è un risultato straordinario – ha spiegato già ieri il vicepresidente della Regione, Sergio Bolzonello, quando ancora i dettagli erano incerti – abbiamo sposato appieno il progetto e lo riteniamo fondamentale per lo sviluppo turistico. Avremo una visibilità incredibile, le due tappe toccheranno le 4 province. Il logo Zoncolan è ormai mondiale, e dovremo sfruttarlo appieno nei prossimi anni. Avremo l’obbligo di farlo. Rcs ha chiesto di venire in regione per finire il Giro, ha chiesto lo Zoncolan. Noi perciò dovremo sfruttare di più questo brand ormai mondiale: è uno dei cardini del programma della Regione per il rilancio del turismo».

Il 31 maggio partenza da Maniago, poi le ascese di passo Pura (9 km all’8%) e di Sella di Razzo (15km al 5,5%), prima dello Zoncolan: il versante di Ovaro è lungo 10,1 chilometri di ascesa, pendenza media dell’11,9% e tocca in alcuni tratti il 20%.
Domenica 1 giugno l’ultima tappa del Giro d’Italia 2014, che partirà da Gemona, simbolo del terremoto, il passaggio da Gorizia e, quindi, il circuito cittadino di 7,3 chilometri.

Non sono queste le uniche carte del Giro d’Italia 2014: la partenza sarà tutta in verde, in Irlanda. Tre tappe tra Belfast e Dublino dal 10 al 12 maggio, prima di sbarcare in aereo a bari, da dove la corsa risalirà lo Stivale. Abruzzo, Modena, Liguria e l’Alpe d’Huez, in Francia. Quindi il finale a nord-est, dove dovrebbe esserci anche Plan di Corones.

Andrea Bosio
@AndreaNickBosio

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews