Giochi 2020, stasera la decisione

Dove sventolerà la bandiera dei Giochi nel 2020?

Dove sventolerà la bandiera dei Giochi nel 2020?

Buenos Aires – Sarà stasera l’assegnazione dei Giochi della XXXII olimpiade, che si svolgeranno nel 2020. Tre le città candidate in questa lotta finale, dove a contendersi la possibilità di organizzare i Giochi saranno Madrid, Istanbul e Tokyo, grande favorita della vigili.
La 125a riunione del Comitato olimpico internazionale sarà anche l’occasione di Jacques Rogge di salutare l’organizzazione che guida da dodici anni: in programma, infatti, anche l’elezione del suo successore.

In Argentina sono volati i tre premier interessati: Erdogan, Rajoy e Abe presenzieranno alla cerimonia di assegnazione, che renderà nota la decisione del Cio, in serata. La politica, comunque, stasera dovrebbe avere un ruolo tutto sommato limitato. Staremo a vedere.

Per Istanbul è la quinta candidatura in vent’anni, e anche questa volta punterà su un’Olimpiade a cavallo tra due continenti. Moltissimi i problemi logistici e i costi realizzativi, però, e la guerra siriana non sembra favorire ulteriormente la città turca.
Madrid, invece, è alla terza candidatura consecutiva e può vantare su molti progetti già avviati: il suo principale sponsor è Antonio Samaranch, ex presidente del Cio, che dovrebbe avere ancora un certo peso su queste questioni.
Tokyo, grande favorita, si presenta molto pompata dall’economia giapponese in forte crescita, tanto da fr parlare della questione anche Il Sole 24 ore. Un progetto compatto, quello giapponese, con gli impianti radunati in spazi molto vicini e un’alta possibilità di spostamento dei turisti.

A votare saranno in 103 e servirà la maggioranza assoluta dei presenti per assegnare i Giochi. Se alla prima tornata nessuno ottenesse questo quorum, la città con meno voti verrebbe eliminata dalla contesa e la partita si ripeterebbe tra le ultime due.

Sei le persone chiamate a sostituire Rogge, senza un favorito chiaramente indicato da tutti alla vigilia: un po’ per via delle numerose correnti interne, un po’ per il clamore di alcuni nomi, le sorprese potrebbero essere dietro l’angolo.
C’è il tedesco Thomas Bach, schermidore d’oro a Montreal ’76, e c’è Sergei Bubka, il più celebre slatatore con l’asta della storia, oltre che il candidato più giovane. Assieme a loro, correranno Ng Ser Miang, vicepresidente Cio, Richard Carrion, di Puerto Rico, Ching-Kuo Wu, Taiwan, e Denis Oswald, bronzo nel canottaggio nel 1968.

Andrea Bosio
@AndreaNickBosio

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews