Ginecologo porno: cercava il punto G nelle pazienti per poi fare sesso

Non sempre leggenda: purtroppo, i ginecologi che approfittano delle pazienti esistono. La storia del Dottor Froehlich, accusato di aver abusato di due donne

Cincinnati – Un ginecologo di sesso maschile sa bene che, per via della sua particolare e importante professione, potrebbe essere oggetto di battute goliardiche da parte di burloni che, più della figura di medico, analizzano quella di uomo con le sue pulsioni naturali, dimenticando, per un istante, che tra dottore e paziente resti sempre quel velo di oggettività scientifica che non condivide nulla con la comicità.

GINECOLOGO PORNO A CINCINNATI - Eppure, come in molti casi, gli scherzi hanno sempre qualche radice realistica e il Dottor Kurt Froehlich è uno di quei ginecologi che – purtroppo – alimentano le leggendarie battute sui curatori dell’apparto genitale femminile. Di fatto, Kurt Froehlich è un ginecologo porno: oltre a esaminare le pazienti con la massima minuziosità, scava a fondo nel loro habitat intimo e, molto spesso, le seduce. La sua tecnica era infallibile, cercava il punto G nelle pazienti per stimolarlo e portarle a raggiungere l’orgasmo. Il ginecologo porno aveva il solo intento di provocare piacere alle proprie pazienti che, di fatto, non si sono sottratte al check up erotico ma hanno poi pensato di testimoniare contro di lui durante il processo che lo ha incriminato.

ACCUSATO DI AVER STIMOLATO IL PUNTO G - Il Dottor Kurt Froehlich è stato recentemente accusato di aver abusato di due pazienti di Cincinnati, compromettendo per sempre la sua carriera medica. Il ginecologo ha perso la sua licenza per esercitare la professione e non potrà mai più ‘giocare’ con le pazienti. Il ginecologo porno ha quarantotto anni ha manifestato i primi allarmanti atteggiamenti nei confronti delle pazienti dopo la morte della suocera, colpita da un grave cancro alle ghiandole di Skene.

LA PRIMA PAZIENTE VAGAMENTE CONSENZIENTE - Ricostruendo gli eventi che hanno portato il ginecologo porno ad approfittare, per certo, di almeno due delle sue pazienti, le autorità hanno ricostruito i fatti, arrivando a datare il primo caso nel 2010. La paziente ‘molestata’ ha dichiarato di aver chiesto esplicitamente al ginecologo alcune delucidazioni sul punto G, cercando di scoprire come si potesse raggiungere l’orgasmo con la sua stimolazione. Il medico, in quel caso, ha cercato il punto G della donna con un guanto, dopo le richieste della paziente. La donna, forse soddisfatta della ‘terapia’, ha chiesto nuovamente al ginecologo di stimolare il suo punto G ma, dopo il secondo check up, non ha più resistito e ha deciso di avere un vero e proprio rapporto sessuale con l’uomo. La paziente, sposata, si è pentita dell’accaduto e ha testimoniato durante il processo contro le accuse rivolte al ginecologo porno.

Tutti alla ricerca del punto G. Le due pazienti volevano implementare il loro piacere e il ginecologo le ha aiutate anche se, purtroppo per lui, desideravano intrattenersi con altri uomini anziché con il loro medico di fiducia (vnews.24)

IL SECONDO CASO - Un caso similare è avvenuto con una seconda paziente desiderosa di scoprire il punto G. In questo caso il ginecologo non ha concluso la sessione medica con un rapporto sessuale. Sicuramente, la prima paziente ha stuzzicato il ginecologo poco professionale che ha ben pensato di non specificare, nelle cartelle cliniche delle donne, di averle aiutate a trovare il punto G.Il ginecologo porno è comunque recidivo: alcuni anni addietro, il Dottor Froehlich ha aggredito un’infermiera per infilarle una mano sotto il reggiseno.

LA FINE DEI ‘GIOCHI’ – Prendendo poco seriamente la sua professione che aiuta milioni di donne al mondo a tutelare la propria salute intima, il ginecologo porno ha perso per sempre la possibilità di esercitare il proprio mestiere ed è stato costretto a cercare un nuovo impiego estraneo alla medicina. Effettivamente, potrebbe usare le sue particolari abilità in un film a luci rosse.

Rachele Sorrentino

@rockeleisrock

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews