Giappone, condannate a morte tre persone

Il Giappone pratica la condanna a morte per impiccagione

Tokyo – «Si tratta di casi di una crudeltà estrema in cui si sono perdute delle vite preziose». Così Sadazaku Tanigaki, ministro della Giustizia nell’esecutivo di Shinzo Abe ha giustificato a mezzo stampa la decisione del governo nipponico di procedere, a un anno dall’ultima volta, alla pena capitale per impiccagione di tre persone. Il Giappone torna così ad applicare la pena di morte nei confronti di condannati reclusi nei “bracci della morte”, dopo l’assenza di condanne nel 2011 e i sette assassini di Stato nel 2012.

Dei tre condannati, tutti uomini, si conoscono soltanto le età: 29, 44 e 62 anni. Tra i tre, tuttavia, vi sarebbe un uomo salito agli onori della cronaca per un fatto particolarmente violento: lo stupro, con conseguente omicidio, di una bambina di soli sette anni. Dopo il fatto, l’assassino avrebbe fotografato il corpo ormai esanime dell’infante, e avrebbe fatto recapitare gli scatti alla madre di questa.

Per Tanigaki, il dibattito sulla pena di morte non ha ragione di essere riaperto, anche alla luce delle richieste pressanti dell’Onu che, già da alcuni anni e su iniziativa italiana, ha approvato una moratoria sulle condanne capitali approvata da un centinaio di stati, ma tra questi, com’è lecito aspettarsi, non figurano Stati Uniti d’America, Cina, Giappone e Iran, in cima alla lista del maggior numero di esecuzioni annue.

L’esecutivo di Shinzo Abe, che già fu primo ministro nel periodo 2006-2007, è improntato a un forte nazionalismo, sebbene le posizioni ufficiali del Partito Liberal Democratico siano più morbide, e a un conservatorismo che non lascia spazio alla possibilità di mettere in moratoria, se non addirittura abolire, la pena di morte. Si tratta, in ogni caso, di eventi con casualità piuttosto rara, e giustificati forse da un “ritorno” in termini elettorali dei governi giapponesi, che com’è noto hanno vita breve e difficoltosa a causa dell’instabilità istituzionale e nelle alleanze.

Stefano Maria Meconi

@_iStef91

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews