Gianni Alemanno indagato e Twitter se la ride

Alemanno

Gianni Alemanno

La notizia del giorno è indubbiamente l’iscrizione a registro degli indagati di Alemanno, ex sindaco di Roma e a quanto pare tra i protagonisti di un sodalizio criminale che puntava ad appalti e finanziamenti pubblici. Alemanno ha prontamente smentito ogni accusa con un tweet. Nel registro degli indagati sono iscritti anche Luca Gramazio di FI ed Eugenio Patanè e altri membri del Partito Democratico.

ASSOCIAZIONE DI STAMPO MAFIOSO – È questo il reato contestato a Gianni Alemanno e ad altre trentasette persone all’interno della maxi operazione Mafia Capitale. Le persone coinvolte sarebbero almeno cento, tra queste gli  accusati, appunto, di associazione di stampo mafioso ma anche di estorsione, usura, corruzione, falso in bilancio e riciclaggio. Alemanno ha immediatamente twettato la sua verità: «Dimostrerò la mia totale estraneità ad ogni addebito e da questa incredibile vicenda ne uscirò a testa alta».

L’INCHIESTA MAFIA CAPITALE – L’inchiesta Mafia Capitale ha portato alla luce un’organizzazione che aveva come scopo l’assegnazione di appalti ma anche di finanziamenti pubblici da parte del comune di Roma ad aziende municipalizzate. A capo dell’organizzazione, secondo le prime dichiarazioni delle forze dell’ordine, ci sarebbe Massimo Carminati. Carminati che ha ispirato anche il personaggio de ‘il nero’ in Romanzo Criminale, è stato arrestato domenica scorsa proprio per associazione mafiosa. Carminati preceduto da Fasciani, Senese e Casamonica è considerato il quarto re di Roma: terrorista dei Nar, killer della banda della Magliana e accusato del delitto Pecorelli, finito più volte in carcere per rapine e omicidi.

 

 

 

ESPONENTI DI VARI GRUPPI POLITICI – Ad essere indagati sono anche vari esponenti di gruppi politici Gramazio di Forza Italia, Riccardo Mancini e Riccardo Brugia vicini all’estrema destra capitolina ma anche l’assessore Piddino Daniele Ozzimo che pur dichiarandosi: «totalmente estraneo allo spaccato inquietante emerso» ha deciso di dimettersi. Esponenti politici e dirigenti di varie scoietà municipalizzate sono tutti nell’ordinanza di custodia cautelare  eseguita questa mattina dal Ros. Intanto continunano le perquisizioni e lo scandalo si fa sempre più grande. Il giudice firmatario dell’ordinanza d’arresto Flavia Costantini ha dichiarato:  « Vi erano dinamiche relazionali precise, che si intensificavano progressivamente, tra Alemanno, sindaco di Roma, e il suo entourage politico e amministrativo, da un lato e il gruppo criminale che ruotava intorno a Buzzi e Carminati, dall’altro. Dinamiche che avevano ad oggetto specifici aspetti di gestione della cosa pubblica e che certamente non possono inquadrarsi nella fisiologia di rapporti tra amministrazione comunale e stakeholders».

 

 

IRONIA TWITTER -  Intanto su Twitter si scatena l’ironia contro Alemanno, complice anche il video di Report che documenta l’arrivo dei Ros in casa dell’ex sindaco. Come sempre gli italiani provano a riderci su anche se c’è veramente molto poco da ridere:

 


Serena Prati 

@Se_Prati 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews