Germanwings. Ue: la Germania era stata avvertita del pericolo

germaniaterrorismo

Il cancelliere tedesca Angela Merkel

Berlino – L’Unione europea aveva chiesto alla Germania maggiori controlli e più personale qualificato per verificare l’idoneità degli operatori di volo nelle compagnie tedesche, compresa la costola di Lufthansa, Germanwings. Ciò è accaduto mesi prima dello schianto volontario sulle Alpi francesi compiuto da Andreas Lubitz.

LA NOTA UFFICIALE DELLA EASA – Questo è quanto emerge da una nota della Easa, l’Agenzia Ue per la sicurezza aerea. La Commissione europea aveva già ipotizzato il pericolo di eccessiva mancanza di controlli e aveva sollecitato la Germania affinché provvedesse ad aumentare la sicurezza dei suoi vettori di volo.

Il comunicato europeo, secondo quanto riporta l’americano Wall Street Journal è dello scorso novembre, periodo in cui Bruxelles espresse al principale partner Ue, Berlino, di «risolvere i problemi di lunga data» e al più presto giacché erano stati riscontrati molti elementi di «non conformità».

Spiega il quotidiano Usa: Easa aveva segnalato all’ente dell’aviazione civile tedesca Luftfahrtbundesamt (Lba), la mancanza di personale qualificato per la valutazione anche medica degli operatori del settore, creando così una falla nel sistema di tutela in volo.

Le raccomandazioni dell’Easa erano state notificate alla Germania con espressa richiesta di provvedere a colmare le proprie lacune. Note alle quali Berlino ha risposto affermando di stare «valutando le raccomandazioni». Questo secondo quanto riporta la stessa Commissione Ue nella nota citata dal Wsj e confermata dalla Bbc.

BERLINO COLPEVOLE? – Dice ancora il Wall Street Journal: non è chiaro se Berlino abbia scelto di ignorare il parere della Easa o abbia solo tardato a mettere in pratica le raccomandazioni; esattamente come non è chiaro se le falle nel sistema di sicurezza abbiano causato la morte di 150 persone ad opera di Andreas Lubitz, co-pilota con problemi psichici della Germanwings.

Certo è che attualmente i funzionari Ue stanno valutando il ‘piano d’azione correttivo’ tedesco per stabilire se e quanto le note della Commissione sono state prese sul serio. La Easa, ancora, tiene a precisare che le note di vigilanza sono procedure standard adottate per tutti i paesi dell’aerea Ue. Tuttavia, il quadro tende a demolire ulteriormente il mito della Germania infallibile.

Chantal Cresta

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews