Gemelline scomparse: potrebbero essere in Svizzera, identificata la donna bionda

Foto delle bambine diffusa per le richerche

ROMA – Dopo il ritrovamento dei frammenti di navigatore e le tracce di sangue, è stato svelato l’ultimo indizio. Si tratta della donna che alcuni testimoni sostengono di aver visto insieme a Matthias. Il suo nome sarebbe Katia Iritano, di 27 anni. Di lei, però, non si hanno più tracce dal 25 gennaio, dove è stata vista a Montbovon.

Le indagini continuano a Marsiglia, dove il procuratore Jacques Dellest sta vaglia tutte le ipotesi. L’ultima potrebbe essere che Livia e Alessia non abbiano mai lasciato il territorio svizzero e che tutti gli indizi lasciati dal padre fossero un tentativo di depistaggio. Ad avvalorare questa tesi, le dichiarazioni degli inquirenti italiani: «Sappiamo che le due gemelline non sono mai arrivate in Italia. E sappiamo che sull´auto non ci sono tracce dei loro cadaveri» ha dichiarato Alfredo Fabbrocini, capo della squadra Mobile di Foggia che ha partecipato alle indagini insieme alla polizia francese.

Il fatto che Matthias Schepp abbia acquistato 3 biglietti per il viaggio in mare, infatti, non prova che le bambine fossero effettivamente con lui, perché a bordo della nave non vengono effettuati controlli d’identità. La donna che aveva affermato di averlo visto insieme alle bambine, dopo essere stata messa alle strette dagli inquirenti, ha ritrattato la sua versione.

Dalle riprese scovate dalla polizia francese, si vede Schepp sempre solo. Alcune foto lo immortalano a Marsiglia il 29 e 30 gennaio mentre preleva del denaro da un bancomat e quando riconsegna l’auto. In questi momenti le bambine non compaiono mai. Forse aveva un complice? Si tratta di Katia Iritano che ora è scomparsa?

L’ipotesi più macabra, ma che diventa sempre più concreta, è che Matthias Schepp abbia ucciso prima le figlie, per poi intraprendere questo folle viaggio da solo. Proprio come scrisse nella lettera rivolta alla moglie, Irina Lucidi, nella quale disse: «Non vedrai mai più le tue gemelle».

Nicola Gilardi

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews