Gambling nuovo motore dell’economia. Quanto spende mediamente un italiano?

Gli italiani spendono 3 volte in più rispetto a 10 anni fa nei giochi d’azzardo. Una somma che rappresenta il 4% del Pil Nazionale. Ecco perché

Novomatic-550-x-308

Siamo giunti rapidamente al giro di boa dell’anno 2014. La crisi economica sembra aver allentato la morsa su tutti gli stati dell’Unione Europea, debito pubblico e Pil non sono più un incubo costante e diversi settori dell’economia inizia ad evidenziare una leggere crescita grazie alle maggiori quantità di capitale disponibile.

Tra i settori maggiormente in rialzo rispetto al passato spicca quello del gambling. Da un’indagine compiuta dalla giornalista de ‘Le Iene’, Nadia Toffa, è emerso che la spesa degli italiani nei giochi d’azzardo nel 2013 equivale a quasi 85 miliardi di euro, una somma tre volte superiore a quella registrata 10 anni fa, che rappresenta il 4% del Pil Nazionale. Tra i fattori che hanno maggiormente contribuito alla crescita del settore spicca l’accessibilità a siti specializzati grazie ad una connessione internet veloce o alle app dedicate per smartphone e tablet scaricabili in maniera gratuita dai principali store Apple, Android e Windows Phone. Da non sottovalutare anche l’influenza dell’effetto social network: twitter e soprattutto le fanpage di Facebook e Google+ hanno creato delle comunità molte ampie in cui lo scambio di informazioni e consigli ha incentivato le iscrizioni e le registrazioni degli utenti a portali dedicati.

Una recente indagine, presentata alla recente ICE Gaming Conference di Londra, conferma come la passione per il gambling sia divenuta un must di una buona fetta degli Italia. Difatti, nella classifica delle nazioni nelle quali vengono rischiate le somme di denaro più alte pro capite il ‘Bel Paese’ si trova saldamente al sesto posto, superato nel vecchio Continente solo dalla Finlandia e sorprendentemente avanti di una spanna rispetto all’Inghilterra, notoriamente conosciuta come la patria degli scommettitori incalliti. Ai primi tre gradini del podio di questa speciale classifica troviamo l’Australi, l’ex colonia cinese di Singapore (forte della sua vicinanza al paradiso asiatico del gioco, ovvero Macao), oltre all’onnipresente Usa da sempre leader indiscusso del settore grazie alla regolamentazione quasi federale del gioco e alla promozione internazionale offerta da due città culto come Las Vegas e Atlantic City.

La modalità di gioco più apprezzata dagli italiani, secondo i dati resi pubblici alla ICE di Londra 2014, è senza dubbia quella delle “macchinette”. Il nostro Paese è al secondo posto mondiale nella spesa per giocare alle slot machine. Oltre metà della spesa italiana media per i giochi d’azzardo è dedicata interamente alle slot comuni e online, cosa che non accade in nessun altro luogo del pianeta.  Tra le spiegazioni fornite da alcuni psicologi esperti

L’esplosione del gaming online emerge chiaramente anche da un’interessante infografica pubblicata qualche mese fa da un team di esperti: prima della comparsa nel mercato delle slot machine online i giocatori italiani erano all’incirca 800mila, per una media mensile di 84mila, per poi raddoppiare praticamente di botto dopo la regolamentazione AAMS. Oggi, infatti, sono oltre 150mila i giocatori italiani che tutti i giorni navigano su questo tipo di piattaforme e puntano i loro soldi nel tentativo di incassare delle buone somme senza muoversi dalla poltrona di casa. Un consueto cliché tutto italiano.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews