Fumare marijuana allontana il diabete

marijuanaFumare marijuana per prevenire il diabete? Scoperta rivoluzionaria o grande (ed ennesima) leggenda popolare attorno al consumo di questa sostanza, illegale ma da molti ritenuta benefica. Un recente studio apparso sul The American Journal of Medicine dimostrerebbe che fare uso di marijuana costituirebbe un valido aiuto nel mantenere il peso forma. Inoltre si allontanerebbe il rischio di diabete.

La ricerca, condotta dall’Università del Nebraska, la Harvard School of Public Health il e Beth Israel Deaconess Medical Center di Boston, rivela come la marijuana avrebbe alcuni effetti benefici del tutto inediti fino ad oggi. Sembrerebbe, infatti, che l’assunzione di marijuana tramite inalazione predisponga al dimagrimento e allontani il rischio di diabete nei soggetti a rischio.
Gli esperti hanno osservato comportamenti e abitudini di circa 4.600 consumatori abituali di cannabis. Gli scienziati hanno rilevato come i fumatori assumano giornalmente 600 calorie in più rispetto ai non fumatori: gli stimoli prodotti dalla marijuana sull’appetito sono infatti da sempre ben noti. Tuttavia, i consumatori di marijuana tendono a rimanere in forma, senza aumentare la massa grassa e il peso. I ricercatori pensano, di conseguenza, che vi siano dei fattori specifici nella cannabis a protezione del rischio obesità.
Nel corso della ricerca, gli esperti hanno anche controllato stato di salute, circonferenza della vita, livelli ematici di colesterolo, zucchero e insulina di ogni individuo appartenente al campione. Ne è emerso non solo come il girovita e l’accumulo di grasso siano inferiori nei fumatori, ma come il livello di colesterolo buono nel sangue sia più alto e il controllo glicemico più efficiente, segnale evidente di una perfetta funzione insulinica.

I ricercatori sottolineano tuttavia il fatto che il rapporto costi-benefici è piuttosto complesso, dal momento che bisogna considerare l’effetto non positivo della marijuana a livello neurologico e sull’apparato respiratorio. In ogni caso, la ricerca può aiutare a comprendere meglio i meccanismi alla base dell’insorgenza di patologie come l’obesità o il diabete e prefigurare nuovi approcci terapeutici per la risoluzione di tali problemi. Un nuovo e confermato effetto benefico della marijuana? O ennesima bufala riguardo ai suoi presunti benefici. Il dilemma rimane aperto.

Alberto Staiz

Foto homepage: www.lettera43.it

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews