Frutti rossi alleati nella lotta all’obesità

Varietà di frutti rossi

New York – Diete ipocaloriche, integratori, farmaci, esami clinici, attività fisica. Sono tutti esempi dei rimedi che da sempre si cercano per contrastare il grosso problema dell’obesità che affligge uomini e donne alla stessa maniera. Una realtà che può essere legata a disfunzioni fisiche, ma anche e soprattutto a cattive abitudini alimentari. Ma adesso sembra che gli studiosi americani abbiamo trovato nei frutti rossi un valido alleato contro i chili di troppo.

Uno studio condotto dalla Purdue University (Usa) ha dimostrato che un composto contenuto in ribes, frutti di bosco e fragole, il piceatannolo, è in grado do contrastare alcuni processi cellulari interessati nella produzione di grasso. Ma come fa? Essendo questo un composto derivante dal resveratrolo, cioè l’antiossidante contenuto nel vino rosso, fa in modo che questo si leghi ai ricettori dell’insulina delle cellule adipose immature bloccando così la capacità dell’insulina di bloccare i cicli cellulari e l’attivazione dei geni che si occupano delle cellule di grasso.

Un processo che può sembrare difficoltoso da comprendere ma che in sintesi, impedirebbe il l’aumento delle cosiddette maniglie dell’amore. Ma quella americana è solo l’ultima delle ricerche condotte per cercare di studiare, tra le innumerevoli proprietà dei frutti rossi, quella della lotta all’obesità.

In Finlandia infatti, nel 2010, uno studio dell’ università di Turku  pubblicato sull’ «European Journal of Clinical Nutrition» ha posto in evidenza il fatto che i frutti di bosco in particolare contengono un grosso numero di antociani, i pigmenti dalla potente azione antiossidante. In specifico il consumo quotidiano di 80-100 grammi di questi frutti, riduce l’attività di un enzima la cui presenza si lega alla statosi epatica (detta fegato grosso) e al rallentamento metabolico. In questo modo l’infiammazione epatica che porta disfunzioni nell’assorbimento delle componenti degli alimenti, e causa di sindrome di obesità, viene ridotta.

Non è finita qui, i frutti rossi sono notoriamente conosciuti come capaci di regolarizzare l’indice glicemico. Si è liberi in questo modo da quell’appetito costante e da quei desideri di cose dolci e carboidrati. Un’oasi nel deserto praticamente per chi sta seguendo una dieta ed è ossessionato dagli attacchi di fame improvvisa, soprattutto nella prima parte della giornata. Un ciambellone ai mirtilli o una macedonia di frutti di bosco e ricotta potrebbero essere ideali per non rinunciare a qualcosa di dolce, buono, senza sentirsi troppo in colpa.

Una fragola contro l'obesità

Non che adesso tutti coloro che sono in soprappeso corrano ad abbuffarsi di frutti rossi, ma un’alimentazione corretta associata al consumo di fragole e ribes, potrebbe non solo fare bene alla linea, ma anche alla pelle, nonché,  specie nelle donne, alla memoria.

Sono queste altre proprietà note dei frutti rossi che contengono, oltre alle sostanze già dette, anche vitamine A e C, ma soprattutto polifenoli, i nemici dei radicali liberi, cioè le cause dell’invecchiamento della pelle. Se a questo si aggiunge una recentissima scoperta che riguarda la capacità dei lamponi e mirtilli di rallentare la degenerazione delle funzioni cognitive negli anziani, il quadro è completo.

È ciò che emerge da una recentissima ricerca britannica parte del Nurses’ Health Study, uno dei più longevi studi sul benessere femminile negli Usa. Responsabili del miglioramento cerebrale riscontrato nelle donne, su un campione totale di 16mila con un’età media di 74 anni, che hanno consumato frutti rossi almeno due volte alla settimana, sarebbero i flavonoidi e gli antiossidanti.

La primavera e l’estate sono inoltre l estagioni migliori per potersi godere le fragole, i mirtilli, il frutto della passione, i ribes e i frutti di bosco che assieme alle more, le ciliegie, il melograno e al vino rosso, se consumati moderatamente, con poche calorie e grande gusto ci aiutano nella lotta con la prova costume, guadagnandoci anche in bellezza e benessere.

 Angela Nitti

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews