Francia: ex ostaggi di Coulibaly denunciano emittente francese

Durante il sequestro, la Bfm Tv aveva svelato la presenza di alcuni ostaggi nella cella frigorifero del negozio assaltato da Coulibaly.

coulibalyUn gruppo di sei persone, che lo scorso 9 gennaio erano state prese in ostaggio a Parigi da Ahmed Coulibaly, ha sporto denuncia contro l’emittente francese All News Bfm Tv, con l’accusa di aver messo in pericolo la loro vita rivelando, durante il sequestro, la loro presenza all’interno della cella frigorifera dell’Hyper Cacher.

LA PROCURA APRE UN FASCICOLO – Sul caso la procura di Parigi ha aperto un fascicolo, per ora a carico di ignoti. Ancora nessun commento da parte della Bfm Tv, contattata da diversi media francesi. Tuttavia, qualche giorno fa a Canal +, il direttore dell’emittente Hervè Beroud aveva ammesso che quella frase «inopportuna» era stata «un errore».

LE PAROLE DELL’AVVOCATO – Le prime dichiarazioni sulla questione sono state rese note da Patrick Klugman, l’avvocato che rappresenterà gli ex ostaggi nel corso della causa. «La divulgazione della presenza di quelle persone nascoste, quando il sequestro era ancora in corso – ha affermato in un’intervista rilasciata a Le Parisien – è un errore che non può restare impunito. Il jihadista stava seguendo le dirette del suo raid su diversi canali ed era stato in contatto anche con giornalisti della Bfm Tv». Secondo l’avvocato, il comportamento dell’emittente configura il reato di procurato pericolo alla vita di altri, ignorando deliberatamente i protocolli di sicurezza, la cui pena associata arriva fino ad un massimo di 1 anno di reclusione e 15mila euro di multa.

L’ATTENTATO E LA NUOVA APERTURA –  Nel frattempo, ad oltre un mese dall’attentato, il negozio Hyper Cacher ha riaperto, per dimostrare che «la vita è più forte delle barbarie». Si ricorderà che lo scorso 9 gennaio, a due giorni dalla strage avvenuta nella redazione di Charlie Hebdo, il negozio kosher, sito nella zona di Porte de Vincennes, era stato assaltato da Ahmed Coulibaly e Hayat Boumeddiene. Nel tardo pomeriggio l’operazione di polizia aveva portato alla liberazione degli ostaggi e all’uccisione di Coulibaly. Nessuna informazione, tranne qualche indiscrezione non confermata, è stata in seguito resa pubblica invece per quanto riguarda le sorti della sua compagna.

Carlo Perigli
@c_perigli

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews