Francesco Tricarico e la sua canzone a Sanremo: censura?

Francesco Tricarico (http://farm3.static.flickr.com)

L’Arena di Domenica In ieri è parsa davvero area da gladiatori quando si è accesa la discussione attorno al brano Tre colori, che il cantautore Francesco Tricarico porterà a breve sul palco dell’Ariston al prossimo Festival della canzone italiana. Il testo, scritto da Fausto Mesolella degli Avion Travel, è una sorta di ‘omaggio’ alla nostra bandiera nazionale ed ha una curiosa origine: composta in un primo tempo per lo Zecchino d’oro, solo in una seconda fase è stata adattata per Sanremo.

Dagli schermi di Rai Uno, Massimo Giletti ha affermato di avere avuto conferma di alcune sostanziali modifiche nel tono della canzone, dal cambio di titolo – doveva essere Nebbia e non Tre colori – a vari aggiustamenti nel testo che, nella forma originaria, era molto più allusivo ad una parte politica ora in Italia piuttosto influente: la Lega Nord. Nella prima stesura pare venisse citato, e più volte, il solo colore verde in contrapposizione al tricolore («quelli nella nebbia hanno la bandiera verde, la nostra tre colori ha»), mentre nel testo attuale resta sì una strofa chiaramente riferita al partito di Bossi, ma ci si sofferma anche sul rosso e sul bianco («quelli nel confine hanno la bandiera rossa, quelli sul monte hanno la bandiera bianca»).

«Come mai nella versione a Sanremo sono comparsi i colori bianco e rosso?»: questa la domanda del conduttore  a cui il direttore della «Padania»,  Leonardo Boriani, risponde chiamando in causa la censura. Insomma, il dubbio insinuato è che da qualche parte fossero giunte pressioni per cancellare ogni riferimento alla Lega. Smentisce il cantautore milanese in un servizio mandato in onda nel corso della trasmissione, e così l’autore del testo, Fausto Mesolella, ha ricordato il carattere innocente del brano, quasi una «filastrocca per bambini».

Altre dichiarazioni, sempre di Mesolella, sono giunte in serata attraverso le agenzie stampa, in risposta alla questione sollevata da Giletti: «Il testo che è stato presentato al Festival di Sanremo era definitivo e non ha mai subito modifiche. Tre colori è una canzone d’amore, non politica e io non ho subito nessun tipo di pressione».

Redazione

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews