FOTO CHOC Turisti rapiti dai cannibali in Papua Nuova Guinea

Matthew Iovane e Michelle Clemens rapiti dai cannibali in Papua Nuova Guinea (fonte: vnews24.it)

Matthew Iovane e Michelle Clemens rapiti dai cannibali in Papua Nuova Guinea (fonte: vnews24.it)

La vacanza romantica di Matthew Iovane e Michelle Clemens nello splendido paesaggio della Papua Nuova Guinea si è trasformata in un sogno angoscioso: i due sono stati bendati e rapiti da cannibali armati di machete.

IL TRAGICO RAPIMENTO - La coppia ha raccontato la propria terribile esperienza al quotidiano The Sun, ricordando con terrore e spavento le ore del rapimento. Matthew Iovane, volto noto in Gran Bretagna per il programma televisivo Shipwrecked ricorda di essere stato attaccato improvvisamente, durante un’escursione in compagnia della fidanzata, da due indigeni con in mano un machete. Dopo l’aggressione i due sono stati bendati, spogliati con violenza e colpiti ripetutamente. «Quando mi hanno strappato la maglietta ho pensato che ci avrebbero mangiati» ricorda l’uomo, che racconta di aver udito le parole “vi uccideremo”, pronunciate in un elementare inglese dai due cannibali.
I cannibali erano vestiti di piume e avevano il volto ricoperto dalle tradizionali pitture di guerra, sufficienti ad incutere terrore alla coppia, letteralmente sottomessa e immobilizzata dagli indigeni: «Ci trovavamo completamente alla loro mercé – racconta Matthew Iovane – Pensavo che non saremmo mai usciti dalla giungla. Abbiamo provato a calmarli, pensando ad una sorta di scherzo, ma ci siamo resi conto molto presto che la situazione era molto grave. Entrambi erano armati  di machete e lunghe lance di legno».

 

LA FUGA E LE FERITE - Spaventati ma ancora in forze, Matthew Iovane e Michelle Clemens sono riusciti a mantenere la calma, per quanto possibile, e a sfruttare un attimo di distrazione dei due cannibali per mettersi in fuga. Dopo aver corso a perdifiato, i due hanno raggiunto il villaggio e sono stati trasportati d’urgenza nell’ospedale di Port Moresby, per curare le percosse e le gravi ferite alle dita riportate dalla donna.

IL PROBLEMA DEL CANNIBALISMO - L’accaduto è stato preso particolarmente sul serio dal consolato britannico che ha ricevuto, nel 2012, diversi casi di cannibalismo in Papua Nuova Guinea. I funzionari hanno confermato le indagini per appurare l’accaduto e, in particolar modo, l’attenzione è ricaduta su una guida indigena sparita dopo aver accompagnato la coppia nella foresta.

Alessia Telesca

foto: vnews24.it

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews