Formula 1, vicino l’annullamento del GP del Bahrain. I team non vogliono partire

I team principal di Formula 1 non vogliono andare in Bahrain: il pericolo è troppo alto

Sakhir (Bahrain) – Come avevamo anzitempo anticipato la situazione in Bahrain si è tutt’altro che normalizzata e il Gran Premio di Formula 1 rischia di saltare per il secondo anno consecutivo: la gara di Sakhir, in programma il prossimo 22 aprile, dovrebbe essere annullata e stando alle indiscrezioni che giungono dagli ambienti della Formula 1, mancherebbe solo l’ufficialità.
Mentre il Circus iridato si appresta a sbarcare in Cina per il terzo appuntamento del mondiale in programma questo fine settimana a Shanghai, a tenere banco continua a essere la situazione interna della piccola monarchia araba. I team di Formula 1 hanno espresso il comune desiderio di annullare o rinviare la corsa che dovrebbe disputarsi nel Bahrain a causa dell’escalation di violenze che stanno colpendo il paese scosso dalla rivolta della minoranza sciita repressa duramente dai sunniti.

Stando a quanto si apprende sul Guardian, un team principal di una scuderia di Formula 1 che ha preferito rimanere nell’anonimato ha confermato che tutto il Circus iridato starebbe aspettando una decisione dalla FIA, ma che la posizione di quasi tutti sarebbe contraria ad andare a Sakhir: «Speriamo che la Federazione giunga alla conclusione di cancellare questo appuntamento. Nessuno vuole andare in un paese dove non sei il benvenuto», avrebbe dichiarato il testimone che preferisce rimanere ignoto. Se fino a qualche giorno fa, Fia e Bernie Ecclestone si erano sempre detti certi del regolare svolgimento della corsa, lo stesso Patron della F1, ha iniziato a tremare, come ha rivelato una sua breve dichiarazione rilasciata al Times: «Se i team non vogliono andare, noi non possiamo costringerli», ha spiegato Mister E che in settimana dovrebbe incontrare i leader della protesta in Bahrain e proprio della questione, se ne parlerà anche questo fine settimana a Shanghai dove è atteso anche Jean Todt, presidente della federazione internazionale. E a dare ulteriore valore a queste voci è trapelata un’indiscrezione dalle organizzazioni logistiche delle scuderie di Formula 1 che avrebbero preparato una sorta di Piano B, avendo prenotato dei posti sia per i voli che li porterebbero dalla Cina al Bahrein, ma in alternativa anche per quelli che li farebbero rientrare alla base in Europa.

Eleonora Ottonello

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews