Formula 1, GP Germania-pagelle: è Alonso trionfo alla faccia dello Spread

Dasha Kapustina sarà il portafortuna di Alonso per il 2012?

Hockenheim (Germania) – Decimo appuntamento dell’anno di questo campionato 2012 di Formula 1, giro di boa del calendario iridato, momento in cui team e piloti iniziano, anche seriamente, a tirare le somme in previsione della lotta per il titolo piloti e costruttori. La gara ha visto trionfare Fernando Alonso, in testa dall’inizio alla fine e dominatore incontrastato della corsa, più forte della pioggia delle qualifiche del sabato. Se Sebastian Vettel inizia a mostrare fin troppo nervosismo quando si trova alla guida e Mark Webber, troppo incostante, non può essere ritenuto il vero avversario nel mondiale dello spagnolo della Ferrari, conferme, delusioni e novità nelle nostre pagelle del GP di Germania.

Lo sberleffo di Fernando Alonso, voto: 10
Sul podio fa le beffe a chi da sotto lo festeggia. Che sia la presenza della russa Dasha Kapustina, modella e nuova donzella del pilota spagnolo, o la confermata affidabilità della Ferrari, Fernando ottiene la terza vittoria dell’anno dominando una gara, già conquistata fin dal sabato, quando ha fatto segnare anche il miglior tempo durante la sessione di qualifica. Allo start parte bene, si tiene lontano Vettel, prima, e Button, poi ed è tempo di calcoli anche per quanto riguarda il campionato. Con un Mark Webber troppo incostante, Alonso saluta ancora una volta la leadership nel mondiale e allunga: ora i punti di vanatggio sull’australiano sono 34 proprio nel momento in cui la Formula 1 affronta l’appuntamento numero dieci del calendario, il giro di boa. Il commento di Fernando: «A Budapest mi aspetto di andare bene, non ci sono motivi per essere pessimisti». Appuntamento tra sette giorni sulla pusta che lo vide salire per la prima volta in carriera sul gradino più alto del podio.

Lo spread della Formula 1, voto: 9
Pilota spagnolo, su una vettura italiana disegnata da un greco. Il punto debole dell’Unione Europea trionfa a casa Merkel e batte i teutonici che avrebbero dovuto giocarsi la vittoria, quali Sebastian Vettel e Michael Schumacher. Trionfare a casa di chi vuol soffocare: il modo più semplice per levarsi dei sassolini dalle scarpe. Il commento di Fernando: «Da spagnolo sono felice di aver vinto in Germania, su una monoposto italiana disegnata da un greco». E meno male che non s’intendeva di politica

Niki Lauda moderatore, voto: 8
Una conferenza stampa come non si era mai vista. Le pit girl che porgono ai piloti sul podio i berrettini con gli sponsor personali e i tifosi da casa che si chiedono cosa avessero intenzione di fare in quel dell’Hockenheimring.
Niki Lauda, giornalista per un giornocon evidente microfono in mano, che appare all’improvviso come se si trattasse di una magia post coriandoli dorati delle celebrazioni per il vincitore.

Andrea Stella è ingegnere di pista di Alonso dal 2010

Team radio all’italiana, voto: 7
C’è chi, forse rosicando un poco, continua a ad accusare Andrea Stella di mettere in scena in diretta mondiale l’italiano medio, poco professionale, che non conosce l’inglese. Forse pochi sanno che questa vuole essere strategia: in un mondo dove l’inglese è la lingua principale, l’italiano occupa il posto d’onore nei team radio tra Alonso e il suo ingegnere per quanto riguarda le comunicazioni più importanti su dati e soste. Se in Gran Bretagna, un ingenuo Ettore Giovannelli, che attraverso fonti certe ci è stato assicurato abbia passato una settimana segregato nelle segrete di Maranello, aveva spifferato ai sudditi della Regina il contenuto di tali messaggi in codice, in Germania il Bel Paese, ancora una volta, si prende gioco della concorrenza. Consigli per un regalo a Christian Horner&co.? Un bel dizionario di lingua italiana.

GP Germania, voto: 6
Uno dei tracciati storici di questa Formula 1, che in origine si snodava all’interno dei boschi per una lunghezza di 12 chilometri, ridotti a 4574 metri attuali dopo innumerevoli modifiche avvenute per mano di Hermann Tilke, uomo di fiducia di Bernie Ecclestone. Se non fosse stato per la sfida a tre tra Alonso, Button e Vettel, i sorpassi nelle retrovie e Lewis Hamilton, doppiato ma che si avventura nel ruolo di quarto incomodo, sarebbe stato uno dei Gran Premi più piatti dall’inizio della stagione.

Felipe Pierino Massa, voto: 5
Relegato a metà gruppo, già in qualifica, per un errore che, manco si direbbe farlo apposta, arriva nel giro buono, quando un pilota dovrebbe far tutto, fuorché sbagliare. Al primo giro deve fermarsi ai box per cambiare il musetto incidentato alla partenza con la Toro Rosso di Ricciardo. Quello di Hockenheim è sicuramente il peggior fine settimana del brasiliano in questa stagione e tanti dicono, valido per essere licenziato in tronco da Maranello. Il commento di Felipe: «In Ungheria potremo dire la nostra». Silverstone non è Hockenheim e una rondine non fa primavera.

Romain Grosjean, voto: 4
Sicuramente un fine settimana da dimenticare per il francese, felice neo-sposo da qualche settimana. Forse i fiori d’arancio hanno dato alla testa a Grosjean che, se in altre occasioni aveva ben impressionato, ad Hockenheim, complice una penalità per aver sostituito il cambio, non riesce mai a dare il via alla rimonta. Il commento di Romain: «Un contatto mi ha rovinato la gara». Eterna incompiuta promessa.

Sebastian Vettel, voto: 3
Il titolo di Bad Boy della classe passa a tutta velocità da Lewis Hamilton al tedesco della Red Bull, sottopressione in casa dove mai è riuscito a vincere, in crisi con una Red Bull che, nonostante l’affidabilità, non è il missile aero-spaziale che gli ha regalato i due allori iridati. Il campione del mondo in carica prima vede sfuggire Alonso e poi tenta la fortuna con un sorpasso su Button sottoposto sotto la lente di ingrandimento della direzione gara: il tedesco supera l’inglese della McLaren fuori dalla linea di delimitazione della pista, in piena accelerazione e viene censurato dalla Federazione che decide di dargli 20 secondi di penalità, tanto che dal secondo gradino del podio retrocede in quinta posizione. Il commento di Sebastian: «Lewis mi ha fatto perdere la posizione al pit stop costringendomi a lottare con Button». Caro Sebastian, lontani i tempi delle navicelle spaziali.

Vettel si è trasformato nel novello Bad Boy della Formula 1 classe 2012

Le mappature della Red Bull, voto: 2
Volete raggirare in modo sagace qualunque regolamento tecnico-sportivo? Dopo aperture, scarichi soffiati e diffusori, quel genio di Adrian Newey se ne inventa un’altra delle sue per evitare le ire della Federazione e passare indenni. La modifica sarebbe legata alla mappatura della centralina della RB8 che consentirebbe di alterare artificialmente la coppia del motore a regimi medi. E trattasi di irregolarità vera e propria segnalata da Jo Bauer, delegato tecnico della FIA, secondo cui le Red Bull violerebbero l’articolo 5.5.3 del Regolamento. Questa volta McLaren e Ferrari sono innocenti: la spifferata non è stata la loro.

Il lavoro della Fia, voto: 1
La Federazione si merita un 1 in pagella, solamente perché non siamo mai scesi sotto questa soglia. A riguardo del caso che ha visto protagonista la Red Bull a riguardo della mappatura del motore, la Federazione riconosce colpevole il team austriaco ma allo stesso modo non penalizzabile per la poca chiarezza del regolamento, forse più per lasciare aperte le chance mondiali di Vettel e Webber e per scongiurare l’ormai ben noto e conosciuto complotto pro-Ferrari. Scusate, ma non è accaduto nulla di anormale: da quando in qua la Fia è sinonimo di trasparenza?

Eleonora Ottonello

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews