Formula 1, è morto Franco Gozzi, storico collaboratore della Ferrari

franco gozzi

Gozzi, anche dopo la pensione, ha collaborato con la Ferrari (foto: motorvalley.it)

Modena – Lutto per l’automobilismo e per la Ferrari. All’età di 81 anni, questa mattina è scomparso Franco Gozzi, direttore sportivo del Cavallino Rampante dal 1968 al 1970 e braccio destro di Enzo Ferrari.
Gozzi, consigliere e confidente del Drake, ha trascorso trent’anni a Maranello, ricoprendo diversi incarichi all’interno della scuderia, prima come portavoce, responsabile delle relazioni esterne, poi come direttore sportivo.
Entrò in Ferrari nel 1960 dopo la laurea in giurisprudenza e col sogno nel cassetto di diventare un notaio. Gozzi viene ricordato per essere stato la memoria storica del Cavallino Rampante, testimone di trionfi, sconfitte e vicende non solo legate alla storia della scuderia di Maranello, sia come azienda, sia a livello agonistico. Ha visto nascere la leggenda di tanti campioni e grazie alla conoscenza delle lingue svolgeva il ruolo di interprete nelle trattative più delicate, fatti raccontati da lui stesso in un libro scritto per la Giorgio Nada Editore, Alla destra del Drake.

Nonostante il ritiro dall’attività sportiva nel 1990, Gozzi è rimasto uno dei personaggi chiave della Ferrari sempre presente nel mondo delle corse, ricordato dalle nuove generazioni per la rubrica televisiva Amarcord, in onda sulla Rai, durante gli anni dell’accoppiata vincente Schumacher-Cavallino Rampante.

Franco Gozzi entrò in Ferrari casualmente. Grazie al padre della moglie, barbiere di fiducia di Ferrari, in attesa di un posto da impiegato presso il Banco San Geminiano e San Prospero, iniziò a lavorare per il Patron dell’azienda di automobili più nota del mondo che decise di chiedergli una collaborazione per redigere la tesi honoris causa, ricevuta nel 1960, anno in cui il modenese venne assunto come assistente al direttore commerciale. Solamente un anno dopo Ferrari gli affidò il ruolo di responsabile dell’ufficio stampa prima di passare all’essere direttore sportivo dal 1968 alla seconda metà del 1970. Molto legato a Piero Ferrari, Franco ha continuato a essere un uomo del Cavallino Rampante anche dopo il suo ritiro dall’attività lavorativa, prima come assistente anche di Montezemolo e poi come consulente dal 1993 al 1996.

foto homepage: it.gdefon.com

Eleonora Ottonello

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews