Formare gang per conquistare Roma: l’ultima frontiera dell’Isis

Un eBook pubblicato dai jihadisti dell'Isis esorta i musulmani in Occidente a creare delle gang per conquistare Roma, in Italia

Jihadisti dell'Isis (www.ultimenotizie.net)

Jihadisti dell’Isis (www.ultimenotizie.net)

I jihadisti dell’Isis sanno esattamente quale deve essere il futuro dei musulmani in Occidente. Lo sanno tanto bene che lo hanno voluto scrivere e diffondere attraverso un eBook, intitolato Muslim gangs. Si tratta di un eBook che lancia questo messaggio: «I musulmani in Occidente devono dare vita a delle gang al fine di creare movimenti jihadisti capaci in ultima istanza di catturare Roma, in Italia». La comparsa, la pubblicazione e la diffusione di questo testo online è stata resa nota dal sito di monitoraggio Site.

MUSLIM GANGS – L’eBook in questione reca anche un sottotitolo, Come sopravvivere in Occidente e sulla copertina appare un gruppo di giovani che sfila in corteo con le bandiere nere dell’Isis. Secondo la stampa nazionale e internazionale questo libro online farebbe parte di una serie: in particolare, sarebbe il secondo volume dopo How to survive in the West – a mujahid guide, pubblicato lo scorso gennaio, con in copertina al Zarqawi che esortava a bruciare l’Occidente. Sia come sia, la diffusione di Muslim Gangs è avvenuta in concomitanza con il mese del Ramadan, il più sacro per i musulmani, dunque presumibilmente il periodo in cui i jihadisti dell’Isis tendono a colpire maggiormente gli infedeli, convinti che ciò porterà loro maggiori meriti nel martirio.

Jihadisti armati dell'Isis (www.ilgiornale.it)

Jihadisti armati dell’Isis (www.ilgiornale.it)

INTANTO NEL MONDO – Intanto, negli Stati Uniti, proprio contemporaneamente alla diffusione dell’eBook jihadista sul web, il presidente Barack Obama ha tenuto una riunione col suo cosiddetto «Consiglio di guerra» al Pentagono, alla fine della quale ha dichiarato che lo Stato islamico dell’Isis può essere sconfitto ma che ci vorrà del tempo e che sarà «una campagna lunga, molto lunga».

In Italia, invece, è stato arrestato un venticinquenne di origini marocchine – in Italia da ben diciassette anni – per istigazione e apologia del terrorismo islamico: il giovane si chiama Jalal El Hanoui e vive in provincia di Pisa con la famiglia. La polizia lo ha arrestato per il suo attivismo fondamentalista, che praticava sul web. Sul suo computer e su tre diversi telefoni sono infatti state trovate diverse pagine Facebook nelle quali El Hanoui cercava adepti incitando alla jihad e istigando a commettere delitti di terrorismo. La cosa curiosa è che questo giovane non si vedeva spesso nella moschea, che non frequentava, ma sul web aveva una intensa attività legata alla radicalizzazione islamica di ipotetici jihadisti.

Mariangela Campo

@MariCampo81

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews