Fishbook: l’app per riconoscere il pesce italiano al mercato

L'app Fishbook aiuta a riconoscere la provenienza del pesce acquistato

L’app Fishbook aiuta a riconoscere la provenienza del pesce acquistato

Sembra proprio che il cellulare e le sue molteplici e variegate applicazioni siano divenuti indispensabili per la vita quotidiana degli utenti. Difatti i telefoni sono invasi di app che aiutano i loro proprietari ad abbinare i loro capi d’abbigliamento, a divertirsi, a cercare distributori commerciali vicini, a seguire i cambiamenti climatici e, incredibilmente, anche a fare la spesa.

SOLO TRE PESCI SU DIECI SONO DI PROVENIENZA ITALIANA - È nata infatti una nuova app, Fishbook (Personal Fish Shopper), creata da Eurofishmarket, con lo scopo di aiutare i consumatori ad acquistare il pesce, i molluschi e i crostacei, in modo corretto e consapevole, potendo testarne la provenienza.
Questo perché, come attesta Valentina Tepedino, la direttrice di Eurofishmarket, tra le portate esposte nelle pescherie, nelle cucine e sulle tavole, solamente tre su dieci provengono da acque italiane. I dati, esposti a Cesena durante un convegno con l’Organizzazione dei Produttori di Cesenatico in cui veniva presentato il progetto L’Amo, si basano sulle ricerche effettuate direttamente dalla Camera di Commercio di Milano, le quali attestano come l’Italia importi circa 963 milioni di pesce, quattro volte tanto rispetto all’esportazione; quindi, conseguentemente, la maggior parte del prodotto ittico acquistato dai consumatori italiani proviene da Spagna, Grecia e Francia.

IL PROGETTO L’AMO E L’APP FISHBOOK - L’Amo, nato grazie alla collaborazione con Legambiente, il Movimento di Difesa del Cittadino e SIVeMeP, si pone l’obiettivo di valorizzare il prodotto ittico nostrano, così da poter garantire ai mercati e alle tavole una maggiore quantità di pesce italiano, riducendo anche le elevate spese di importazione. Eurofishmarket, inoltre, ha fatto propria l’esigenza diretta dei consumatori, desiderosi di conoscere la provenienza dei prodotti acquistati, creando così l’app Fishbook (Personal Fish Shopper), ricca di foto ed informazioni su pesci e molluschi, ed utile per avere informazioni su tutte le tipologie presenti sui banchi dei mercati italiani.

Alessia Telesca

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews