Finale del Mondiale per club in Marocco. Ancelotti a un passo dal record

real madrid san lorenzo

Mentre i campionati nazionali continuano in vista delle festività natalizie, in Marocco è in programma l’ultimo atto del Mondiale per club. Saranno Real Madrid e San Lorenzo a sfidarsi per la vittoria finale, con gli occhi degli appassionati di scommesse sul calcio puntati sullo stadio Stade de Marrakech, l’impianto nuovissimo che ospiterà la finale del torneo.

Torneo che ha visto “trasformazioni” nel tempo: nata nel 1960, il suo primo nome era noto come Coppa Intercontinentale, e prevedeva una doppia gara giocata nei rispettivi stadi tra la vincitrice della vecchia coppa dei campioni e quella della Libertadores. Il suo esordio vide il Real Madrid sfidare il Peñarol, gara vinta dagli spagnoli che sono dunque i primi vincitori della storia del torneo. Il 1980 sarà l’anno del primo cambiamento, con l’emigrazione” in Giappone e il torneo fissato su un’unica gara giocata a dicembre, e durerà con questa formula fino al 2003, anno dell’ultima assegnazione del campionato conosciuto come intercontinentale, perché dal 2004 la partecipazione sarà estesa anche alle squadre delle confederazioni nordamericane, africane, oceaniche e asiatiche divenendo così Mondiale per club.

Ottimo il bottino delle italiane, che tra vecchia e nuova edizione ne hanno portate in patria ben 9, con il Milan vittorioso 4 volte, seguito dall’Inter con 3 e dalla Juventus, con 2. I nerazzurri sono gli ultimi ad aver trionfato, precisamente nel 2010, l’anno del triplete di José Mourinho, mentre al Milan una partecipazione manca dal 2007, anno della vittoria non solo in terra nipponica ma anche ad Atene contro il Liverpool in Champions League, successo che “vendicava” la notte nera di Istanbul di 2 anni prima. Lontane nel tempo invece le vittorie dei bianconeri, che risalgono al 1985, successiva al successo nella tragica notte dell’Heysel, e al 1996 grazie al trionfo in Champions contro l’Ajax. Il Real Madrid nel suo palmares ricchissimo ne conta 3, ma non ne vince una dal 2002, quando gli spagnoli si imposero 2-0 sull’Olimpia. Prima volta invece per il San Lorenzo, squadra argentina tra le più popolari dello stato sudamericano, che ha centrato la finale dopo aver battuto in semifinale, non senza fatica, i neozeladesi dell’Auckland City per 2-1: ora infatti c’è una fase eliminatoria precedente, composta da quarti, semifinali, finale terzo e quarto posto e finalissima.

ancelotti

Carlo Ancelotti

Viaggia a ritmo di record la squadra di Ancelotti, che arrivata a 21 vittorie consecutive, rincorre il primato dell’Ajax di Cruijff, che ne mise a segno 26 nella stagione ’71-’72. Ma i record non riguardano solo la squadra: per Carletto Ancelotti infatti sarebbe il quarto titolo mondiale vinto nel caso battesse il San Lorenzo, dopo i successi con la maglia del Milan nell’89 e nel ’90, e come allenatore proprio dei rossoneri nel 2007. Finale scontata, quella tra gli spagnoli e gli argentini è una sfida molto sentita da entrambe le parti: non solo rievoca vecchie sfide degli anni sessanta, ma una vittoria significherebbe molto per il Real, che andrebbe ad arricchire un bottino impressionante tra coppe di vario genere, mentre il San Lorenzo raggiungerebbe un obiettivo mai centrato prima.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews