Facebook salute. Il social si fa comunità sanitaria con nuove app

facebook salute

Facebook, Google e Apple sono pronte ad affrontare il mercato della salute mobile: tutta la storia clinica di un utente in una app (Seigradi.corriere.it)

Facebook a tutta salute. Il social network di Zuckenberg pare pronto ad andare oltre la sola condivisione dati e fa un passo in più. Obiettivo: assistenza sanitaria per tutti coloro che soffrono di disturbi fisici o psicologici e cercano in Rete consigli utili e supporto.

COMUNITA’ SANITARIA – La Comunità di supporto a cui aspira Facebook sarebbe il risultato di un’attenta analisi di marketing. Secondo gli esperti del social, le richieste di aiuto e sostegno via Web sarebbero in aumento così come gli status di ‘donatore’. Quest’ultimo dato ha raccolto più interesse. Pare infatti che si ripeta con una certa frequenza una sorta di effetto emulatore: quando un utente si definisce ‘donatore’, le utenze a lui collegate aumentano le donazioni e le iscrizioni ad associazioni per fini benefici. 

UNA MANO VIRTUALE AIUTA L’ALTRA – D’altronde questo è quanto che è accaduto allo stesso Zuckenberg quando donò 5 milioni di dollari al Ravenswood Health Center di Palo Alto. Il social network rimbalzò la buona azione rivolta all’associazione che si occupa dell’assistenza sanitaria per persone culturalmente diverse, spingendo molti fan del genietto informatico americano a fare altrettanto.

LE COMUNITA’ SCIENTIFICHE IN RETE – Così viene a galla un dato importante della politica social: Facebook è già molto usato da associazioni, enti di ricerca, enti – volontariato che, a più livelli, operano e radunano fondi grazie alla Rete, ma soprattutto grazie alle condivisioni di profili.

Dalché le comunità di assistenza, con l’ultima idea del network, potranno fare sistema per il sostegno a malati che soffrono della medesima patologia o sono affetti dagli stessi disturbi.

RISULTATI TRA FITNESS E MEDICINA – Il risultato a cui aspira Facebook è ambizioso: dopo aver ottenuto il consenso di un utente, sarà possibile raccogliere, conservare e confrontare tutta la sua storia clinica e confrontarla con quella di altri utenti per consentire – dati statisti alla mano – un monitoraggio della salute collettiva e relative soluzioni da offrire secondo analisi e studi medici.

La rielaborazione di dati continua, garantirebbe così una sorta di enciclopedia virtuale medica sempre aggiornata dotata di nozioni, corsi di fitness, consigli del buon vivere, ricerche mediche, e quanto altro oggi offra il mercato della salute mobile, ovvero quella che si diffonde via smartphone e tablet, grazie ad app sempre più funzionali che costituiscono un fiorente mercato di 6,7 miliardi di dollari, come ricorda il Corriere.it.

facebook salute

La salute digitale costituisce un mercato in espansione che ha impiegato 3,5 miliardi di dollari nel 2014 (comunitàdigitali.blogosfere.it)

GOOGLE, APPLE, FACEBOOK – Un’economia così fruttuosa che pare nessuna azienda sia disposta a lasciarla sfuggire. Così la corsa per l’aggiornamento della salute in mobile interessa a colossi come Google e Apple, che in concorrenza con Fb, si stanno attrezzando a raccogliere dati clinici, informazioni, medici, esperti del settore sanitario, ricercatori, dietologi, consulenti dell’imaging biomedico e quanto altro, per avviare i loro sistemi di ricerca medica telematica. Una tecnologia ad hoc per la salute che ha le potenzialità di diventare una macchina per fare soldi.

Secondo Corriere.it, uno studio di Accenture rivela che le start up coinvolte nel settore sono in aumento e la salute digitale, nell 2014, interessa investimenti per 3,5 miliardi di dollari. Nel 2017 se ne prevedono 6,5 miliardi.

Chantal Cresta

Foto || corriere.it; comunitàdigitali.bologosfere.it)

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews