Facebook: è on line Memology 2011, la classifica annuale delle notizie più cliccate

La classifica globale (techcrunch.com)

Con  oltre di  800 milioni di utenti attivi in tutto il mondo tra condivisioni di notizie e scambi di opinioni, Facebook  è senza ombra divenuto negli ultimi anni uno specchio fedele della nostra società, capace di registrare trend e umori di vario genere. In quest’ottica, acquisisce dunque una rilevanza ancora maggiore Memology 2011, la classifica degli stati più cliccati dell’anno che sta ormai per volgere al termine.

Pubblicata la scorsa notte sul blog ufficiale del social network, Memology ricostruisce in maniera fedele i temi più caldi del 2011, rielaborando i contenuti postati negli ultimi mesi. Dodici i Paesi analizzati dei quali è stata resa pubblica la top ten e che hanno inoltre contribuito alla redazione di una classifica internazionale su scala globale.

Tra i Paesi oggetto di indagine, spicca ovviamente anche il nome dell’Italia, con degli esiti anche piuttosto sorprendenti: l’argomento che ha sbaragliato la concorrenza tra gli utenti del Belpaese è stato infatti il referendum su nucleare e privatizzazione dell’acqua svoltosi lo scorso giugno. Ma, se agli sguardi più superficiali la sensibilità verso questo genere di tematica può appunto stupire, i naviganti più esperti ricorderanno come nei giorni antecedenti il voto iniziative virali di sensibilizzazione ai quattro quesiti rimbalzassero con rapidità da una bacheca all’altra. Obiettivo principale della community il raggiungimento del famigerato quorum.

Con il secondo posto, però, l’impegno sociale e politico lascia spazio ad un evento sportivo dal sapore decisamente più tragico, la scomparsa del pilota MotoGP Marco Simoncelli. Molti gli stati che ricordano ancora oggi il ragazzo di Coriano, la cui morte così improvvisa ha evidentemente colpito soprattutto i giovani italiani. Terza piazza per il Feng Shui, seguito dal tormentone musicale estivo dell’anno, “Danza Kuduro”.

I cantanti più cliccati (techcrunch.com)

Solo un anno fa, l’elemento  più apprezzato dagli utenti tricolore era stato invece l’inno dei mondiali di calcio “Waka Waka“. Al quinto posto, spiccava il Bunga Bunga.

Decisamente meno sorprendenti  le classifiche inglese e francese, dominate rispettivamente dalle nozze reali di William e Kate e dalle vicende giudiziarie di Dominque Strauss-Kahn. E mentre in Spagna svetta il movimento degli Indignados, la Germania pare aver concentrato tutta la sua attenzione su un altro lutto inaspettato e doloroso, quello che ha visto protagonista la cantante inglese Amy Winehouse.  Anche Steve Jobs e il suo “Stay hungry, stay foolish” conquistano moltissimi click in tutto il mondo, aggiudicandosi persino la prima posizione in Russia.

La classifica internazionale prende invece molto in prestito dagli Stati Uniti. Sul podio virtuale degli argomenti più “social” figurano infatti la vittoria dei Green Bay Packers al Super Bowl e il caso di Casey Anthony, una donna californiana accusata di avere ucciso la figlia. Al primo posto, però, una notizia di cronaca di effettivo impatto mondiale, la cattura di Osama Bin Laden; altrettanto discusse le circostanze misteriose che hanno avvolto la sua morte e la sepoltura del cadavere.

Alcune liste speciali hanno poi riguardato i personaggi del mondo dello spettacolo: tra i più digitati  Megan Fox, Vin Diesel e  Adam Sandler; fra i cantanti, la spunta invece  Rihanna, che precede il sempreverde Bob Marley e Avril Lavigne.

Menzione speciale anche per gli articoli più condivisi sul web. A vincere in quest’ambito è la CNN, incoronata da Memology 2011 come media più popolare di Facebook: in vetta, un confronto fotografico tra i paesaggi giapponesi prima e dopo lo tsunami.

Mara Guarino

Foto homepage via: librodellefacce.com

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews