Facebook diventa a pagamento: l’ennesima bufala

Basta con questa storia: Facebook è e sarà sempre gratuito. La bufala della tariffa di iscrizione circola dal 2009

Ancora una volta circola in rete l'ennesima bufala che vuole Facebook a pagamento (ottopagine.it)

Ancora una volta circola in rete l’ennesima bufala che vuole Facebook a pagamento (ottopagine.it)

No, no, no e ancora una volta no: Facebook non sarà a pagamento. Non lasciatevi abbindolare dall’ennesima bufala attira click in circolazione sul web in queste ultime ore. Per l’ennesima volta vediamo circolare in rete la solita storia che vorrebbe il più noto social network mondiale chiedere soldi – per la precisione, questa volta, 5,99 europer iscriversi e mantenere un proprio profilo sulle sue pagine virtuali.

IL MESSAGGIO – C’è un post che circola sulle bacheche di un elevatissimo numero di utenti: «Ora è ufficiale! È apparso nei media. Facebook ha appena pubblicato il suo prezzo di entrata: 5,99 euro per mantenere l’abbonamento gold del vostro status di vita”privata”. Se si incolla questo messaggio sulla tua pagina, sarà offerto gratuitamente (ho detto incolla, non condividere) altrimenti domani tutte le vostre pubblicazioni possono diventare pubbliche. Anche i messaggi che non sono stati eliminati o le foto non autorizzate. Dopo tutto, non costa nulla per un semplice copia/incolla».

MA MI FACCIA IL PIACERE – E non costa nulla neanche prendere in giro le persone più credulone, così come non costa nulla – ancora una volta – mettere in guardia tutti dall’ennesimo spam. Ufficiale cosa? Apparso in quali media? Non si sa. Abbonamento “gold”? Cos’è, Sky? Fatto sta che il panico, come al solito, si è subito scatenato sugli schermi di mezzo mondo neanche fosse in arrivo un meteorite dritto dritto sul pianeta Terra. Un panico che è un misto tra ignoranza generale e assoluto terrore del dover mai pagare per qualcosa a questo mondo nell’epoca della connettività di massa.

La prova schiacciante della gratuità di Facebook (mbclick.it)

La prova schiacciante della gratuità di Facebook (mbclick.it)

LA POTENZA DELLA BUFALA – Bisogna ammettere, comunque, che si tratta, sì, dell’ennesima bufala ma contenente un potenziale di diffusione a dir poco pauroso. Se si scrive su Google “Facebook a pagamento” ci si ritroverà di fronte a ben 85 milioni di risultati. Non è un dato molto entusiasmante, certo, perché identifica il livello di quoziente intellettivo di una vastissima fetta di popolazione planetaria. Ad ogni modo, è garantita al cento per cento la falsità insita in quel messaggio.

CREDI ALLA BEFANA? – A quanto pare non bastava veder scritto, nella pagina di iscrizione a Facebook, la dicitura “è gratis e lo sarà sempre” (ovviamente perché gli introiti derivanti dal semplice numero interplanetario di iscritti sono allucinanti: 1,49 miliardi nel primo trimestre del 2015). E non bastava neanche un’intera sezione dedicata dal centro assistenza di Facebook ai propri iscritti denominata “Miti su Facebook”. Ci vuole ancora chissà cosa per capire che la bufala di Facebook a pagamento circola dal lontano 2009, periodo in cui la si collegava anche ad un tentativo di attacco informatico. Nel 2011 cominciò a diffondersi la falsa questione dei 5,99 euro che, però, all’epoca erano indicati come sterline in un messaggio scritto in inglese e perfettamente equivalente al messaggio italiano (tra l’altro dotato di un linguaggio tutt’altro che tecnico) che circola in queste ore.

Foto: mbclick.it / ottopagine.it

Stefano Gallone

@SteGallone

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews