Da Facebook al conto corrente, la nuova truffa corre sui social

Sottratti diecimila euro ad un povero malcapitato, la truffa è stata seguita utilizzando Facebook e WhatsApp

truffa

Facebook e Whatsapp, ecco la nuova truffa interamente realizzata sui social network (foto: internetnews24.com)

Da Facebook a WhatsApp, per poi passare a casella di posta e conto corrente, la nuova truffa tutta “social” ha già mietuto le prime vittime. A cadere nella trappola, secondo quanto riportato da Adnkronos, sarebbe stato un cittadino romano, vittima di una transazione fraudolenta di circa 10mila euro, effettuata tramite accesso abusivo al proprio conto corrente online. La polizia postale, concluse le indagini, ha tratto in arresto quattro uomini, tutti residenti in Sicilia,  ricostruendo quello che sembra un modus operandi particolarmente collaudato.

COME FUNZIONA? – Il funzionamento di questo meccanismo, sebbene leggermente più complesso di quello delle webcam “hot”, nel quale sono rimasti intrappolati migliaia di internauti, si basa sempre su un profilo femminile – e ovviamente finto quanto avvenente – attraverso il quale i truffatori “agganciano” il malcapitato – e, ormai, particolarmente ingenuo – utente.  Com’è avvenuto nel caso riportato dalla polizia postale, la conversazione da Facebook viene spostata rapidamente su WhatsApp, su richiesta dell’interlocutrice, al fine di ottenere tutti i dati necessari per far partire la truffa.

OCCHIO AI DATI – Nel caso specifico, difatti, i truffatori hanno ricavato la data e il luogo di nascita della vittima, nonchè il suo indirizzo di posta, dal profilo Facebook, mentre tramite WhatsApp è stata individuata l’utenza mobile.  Una volta ottenuti i dati, i criminali hanno chiesto e ottenuto il duplicato della Sim Card abbinata, per poi effettuare il reset della password di accesso alla casella di posta elettronica dell’uomo. Una volta ottenuto il nuovo codice, attraverso la posta in giacenza sono risaliti ai messaggi provenienti dalla banca, nei quali era riportato il codice cliente del conto corrente.  Da lì sono passati alla fase finale, procedendo al reset del Pin del conto online e ottenendo una nuova password di accesso, inviata sull’utenza mobile dell’utente, di fatto in loro possesso. Una volta ottenuti tutti i dati necessari, i malviventi hanno effettuato l’accesso al conto online della vittima, disponendo un bonifico fraudolento a favore di un Iban a loro intestato.

Carlo Perigli

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews