Fabio Cannavaro a Wakeupnews: ‘Futuro? Ho incontrato dirigenti della Juventus’

fabio cannavaroNew York – Il viaggio verso gli States, dove sta trascorrendo le vacanze con la famiglia, non è stato privo di turbolenze per Fabio Cannavaro. Chiariamo: nessun vuoto d’aria improvviso sull’aereo. Le agitazioni che hanno colpito l’ex capitano azzurro sono state ben altre. Le voci sul presunto divorzio dal proprio club, l’Al-Ahli di Dubai, al quale è legato da un contratto biennale, e le indiscrezioni sull’approdo del difensore al Queens Park Rangers - squadra neopromossa in Premier League – avrebbero rovinato la vacanza a chiunque.

A far tacere i rumors ci ha pensato Ahmed Khalifa Hamad, presidente dell’Al-Ahli:Fabio non andrà da nessuna parte”. E anche Cannavaro, che ora può godersi queste vacanze in giro per gli Stati Uniti insieme alla moglie Daniela e ai figli, non sembra avere nessuna intenzione di lasciare quell’oasi di paperoni in mezzo al deserto.

- Da un anno giochi a Dubai. Com’è stata questa esperienza negli Emirati Arabi?

«È un’esperienza fantastica, perché ho la fortuna di vivere in un posto sicuro per la mia famiglia, di mandare i bambini in scuole internazionali e, soprattutto, posso ancora giocare a calcio» – dice il calciatore comodamente seduto nella lobby del Meridien Park Hotel di New York. «Tante persone credono che chi va a giocare in questi Paesi è perché ha voglia di smettere, invece no. Nel mio caso lo stimolo in più è stata la curiosità di confrontarmi con una nuova cultura e con delle persone che hanno voglia di lavorare e far bene».

- Calcio scommesse, nuovo fango sul calcio italiano. Cosa ne pensi?

«Vivo all’estero e seguo quello che succede tramite i giornali. Bisogna comunque aspettare: per adesso quello è venuto fuori sono solo tante chiacchiere. In ogni caso, però, il messaggio che esce dai confini nazionali è sempre negativo. Dovremmo essere più intelligenti e pesare meglio le parole.

- Ti aspettavi questo terremoto?

«È sempre brutto parlare di queste cose, perché noi cerchiamo di dare un’immagine diversa del nostro calcio. Vinciamo i mondiali, siamo la seconda nazionale al mondo per quanto riguarda il numero di titoli conquistati, eppure cadiamo in questi errori. Bisogna lavorare di più sui giovani e sull’educazione sportiva, sul rispetto dell’avversario. Ma non siamo gli unici al mondo ad essere noti per questo».

- La settimana scorsa il ministro Maroni ha firmato un protocollo d’intesa con Figc, Coni e le leghe calcio per la creazione di stadi aperti, senza gabbie e recinzioni. Siamo pronti?

«Me lo auguro, perché il calcio è un gioco ed è di tutti. Non è concepibile che da noi le famiglie non possano andare allo stadio. È un peccato perché ci sono tanti giovani che vorrebbero avvicinarsi ulteriormente a questo sport, ma non lo fanno».

- Dal 2012 l’Italia avrà solo 3 squadre in Champions, scendendo al quarto posto nel ranking Uefa. Cosa sta succedendo?

«Paghiamo un po’ la mancanza di strutture e di pianificazione per il futuro. Dopo il Mondiale, invece di cavalcare l’onda e dare una spinta verso una crescita veloce, ci siamo fermati, per non dire che siamo tornati indietro. E questo è un peccato, perché il nostro è un Paese che vive di calcio e purtroppo non riesce ad investire sui giovani e sulle strutture. Su questo siamo un po’ fermi».

- Recentemente si era parlato di un possibile divorzio con l’Al-Ahli, alla fine rientrato. Continuerai a giocare lì? E i progetti per il futuro?

«Ho ancora un anno di contratto, dopo non lo so. Ci sono diverse cose che si potrebbero fare. Adesso ho incontrato dei dirigenti della Juventus, ma si vedrà. Sto parlando con la nuova società dell’Al-Ahli, che mi vorrebbe come ambasciatore del calcio in Arabia. Ci sono diversi progetti in ballo, ma sicuramente resterò nel mondo del calcio perché è la mia vita».

Valentina Gravina

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews