F1 2012, Bruno Senna alla Williams

Prima foto di Bruno Senna con la casacca della Williams

Roma – Una notizia che già circolava da giorni ma della quale si è avuta la conferma solo pochissimi minuti fa. Bruno Senna è ufficialmente un pilota della Williams e affiancherà Pastor Maldonado alla corte del blasonato team inglese. Una buona notizia per i romantici della serie che vedranno ancora una volta sfrecciare il nome Senna, esattamente 18 anni dopo la morte dello zio Ayrton il 1 maggio 1994, su una delle monoposto di Grove che per ironia della sorte, proprio dal 2012 tornerà a montare motori Renault.

Stando alle indiscrezioni dei media brasiliani, il pilota paulista avrebbe firmato il contratto nel pomeriggio di lunedì 16 gennaio, trascorso proprio nella factory per parlare con dirigenti, tecnici e ingegneri.
Senna, effettivamente, era uno dei pretendenti alla Williams con Rubens Barrichello e Adrian Sutil. Il nipote dell’indimenticato Ayrton Senna era la scelta più gradita di Adam Parr, team principal, mentre la parte tecnica della factory avrebbe desiderato la conferma di Barrichello. L’arrivo di Bruno porta in dote al team di Grove la Embratel, azienda brasiliana di telecomunicazioni con base a Rio de Janeiro, che pur di vedere Bruno in Formula 1 è stata disposta a pagare circa 10-15 milioni di euro.
Con l’arrivo di Senna in Williams, termina così la carriera in Formula 1 di Rubens Barrichello dopo 19 stagioni consecutive.

Ayrton Senna, indimenticato zio del paulista

Bruno Senna, 28enne paulista, è il nipote di Ayrton Senna, pilota di Formula 1 tragicamente morto in occasione del Gran Premio di San Marino 1994. Dopo i trascorsi in kart, proprio a causa della scomparsa dello zio e pochi anni dopo di quella del padre in un incidente stradale, convinto dalla madre Viviane, decide di interrompere la carriera sportiva che riprende nel 2004 a bordo delle monoposto di Formula Bmw.

Nel 2005 e 2006 disputa il campionato di F3 inglese, a bordo di una Dallara F305 motorizzata Mugen-Honda del team Double R Racing Team gestito da Kimi Raikkonen e dal manager Steve Robertson. Nel 2007 passa in Gp2 con il Team Arden per poi passare nel 2008 al team iSport International, col quale corse anche nel campionato GP2 Asia Series, chiuso in quinta posizione.
Dopo un anno di stop, lontano dalla gomme scoperte, nel 2010 debutta in Formula 1 con la Hrt dove conclude la stagione senza ottenere punti e, a fine anno, viene appiedato dalla scuderia spagnola. Nel 2011 svolge il ruolo di terzo pilota alla Lotus Renault e al Gran Premio del Belgio viene promosso pilota titolare dalla scuderia francese in sostituzione di Nick Heidfeld.

                                                                                                                                                                                                            Eleonora Ottonello

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews