Extant: Halle Berry nello spazio per Spielberg

CBS propone per l’estate, Extant, il nuovo sci-fi prodotto da Steven Spielberg e con protagonista la bella Halle Berry nei panni di un’astronauta

In questa stagione la tv ha dato un discreto spazio al genere science fiction. Se pensiamo a prodotti come Almost Human, Believe, The Intelligence fino ad arrivare ai teen-drama come Star-crossed e The 100,  e contando altre serie di successo, rinnovate per nuove stagioni, come Orphan Black o Falling Skies, non si può dire che nella tv americana non si sia cercato di dare un po’ di spazio al fantascientifico. Certo, i risultati sono stati altalenanti non tutte le serie nominate hanno raggiunto gli stessi successi in fatto di ascolti. Molte, seguendo un destino comune, sono state cancellate dopo la prima stagione. Come non ci stancheremo mai di dire, infatti, il telespettatore sci-fi addicted tende ad essere selettivo e non facilmente raggirabile. Aggiungete alti costi di produzione e purtroppo si arriva alla carneficina.

extant

La locandina di Extant (www.cbs.com)

BUONE PREMESSE – Ad ogni modo, in queste ultime battute prima della chiusura estiva dei palinsesti, arriva un altro sci-fi, targato CBS e prodotto da Spielberg, con Halle Berry protagonista. Insomma, Extant è un telefilm di quelli che, almeno in potenza, partono col piede giusto: produttore potente, star di Hollywood prestata alla tv e un discreto uso degli effetti speciali. Se tutto questo basterà è ancora un po’ presto per dirlo, ma l’inizio non è stato niente male.

LA TRAMA (SPOILER ALLERT) – La storia è in sintesi questa: Molly Woods (Halle Berry) è un’astronauta appena tornata da una missione nello spazio. Ad accoglierla c’è il marito John Woods (Goran Visnjic) e loro figlio Ethan (Pierce Gagnon). Riabituarsi alla vita sulla terra, dopo mesi trascorsi in solitaria nello spazio, non è facile, soprattutto perché qualcosa di misterioso è accaduto alla donna durante la missione. Qualcosa che neanche lei sa spiegarsi, un black-out e poi la visione di un vecchio amore morto chi sa quanto tempo prima che le sfiora la pancia e le chiede aiuto. Un fatto che oltre a portare con se conseguenze psicologiche, le lascia anche altro, una gravidanza che, almeno ipoteticamente, era impossibile. Molly, infatti, è sterile. Il figlio Ethan, in realtà, non è infatti neanche un essere vivente, ma un’ intelligenza artificiale avanzatissima progettata dal marito John per supplire, in primo luogo, alla mancanza di un figlio naturale e, in secondo, per confermare la sua teoria secondo la quale le intelligenze artificiali sono in grado di acquisire una presunta umanità, tramite l’esperienza in un contesto il più possibile socializzato e naturale come appunto una famiglia. Ma per la famiglia Woods questo non è che l’inizio di un viaggio in cui le loro vite sono destinate a cambiare, dirottate da forze oscure e potenti.

extant

Halle Berry in una scena del pilota (www.cbs.com)

TANTI RIFERIMENTI – Come è evidente dal breve riassunto, di spunti in questo pilota ce ne sono moltissimi e moltissimi sono anche i riferimenti al passato della fantascienza. Non è difficile ripensare a cult come Alien, con una protagonista astronauta donna sperduta nello spazio, o alla lotta per i diritti civili de L’Uomo Bicentenario quando John Woods presenta il suo “progetto” e non può fare a meno di definirlo “suo figlio” o ancora a A.I. (tra l’altro prodotto anche questo da Spielberg) se si fissa per qualche minuto di troppo il piccolo Ethan. Questo perché la cosa veramente difficile nel 2014 è costruire una storia sci-fi che non peschi semplicemente nel passato rimodellandolo.

extant

Halle Berry e il piccolo Pierce Gagnon (www.cbs.com)

UN BUON PILOTA – C’è però da dire che Extant riesce dove molti altri hanno fallito, ossia distrarre il telespettatore dalle indubbie somiglianze e trasportarlo dentro la storia e tenerlo davanti alla tv per i 40 minuti del pilota senza troppo sforzo. Certo, per giudicare ci sarà ancora tempo e non si può escludere che questo incipit da molti punti di vista convincente, potrebbe essere anche un fuoco di paglia. Per diventare un vero cult, infatti, non bastano suggestioni e misteri, ma anche un’attenta costruzione della trama e soprattutto la voglia di stupire e innovare. Per sapere se Extant è un altro telefilm destinato ad una precoce cancellazione bisognerà aspettare ancora un po’, per ora comunque le reazioni di pubblico e critica sono state abbastanza positive.

Elisabetta Tirabassi

@elisabettatb

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews