Ex M5S: Orellana e Battista se la prendono con Bechis e Travaglio

Fino a pochissimo tempo fa, Marco Travaglio era considerato all’interno del Movimento 5 Stelle uno dei pochi giornalisti non meritevoli di insulti. Ma i dissidenti fuoriusciti dal gruppo grillino adesso se la prendono anche con lui. Il vicedirettore del Fatto Quotidiano – ma anche il vicedirettore di Libero Franco Bechis – avrebbe detto inesattezze durante la trasmissione condotta da Enrico Mentana Bersaglio Mobile (La7) andata in onda ieri sera.

COSE VOMITEVOLI - In una nota congiunta di Lorenzo Battista e Luis Alberto Orellana si può leggere: «Le falsità dette ieri durante la trasmissione Bersaglio Mobile da Bechis e Travaglio fanno letteralmente vomitare. Ipotizzare, come ha affermato Bechis, che dopo un incontro con Franco Giordano sembra che quest’ultimo gli abbia riferito due mesi fa che ci sono movimenti tra Sel e alcuni del M5S, è falso e il vicedirettore di Libero lo sa bene».

GOSSIP POLITICO - La nota prosegue: «Se Giordano gli avesse detto che qualcuno del Movimento la sera prima era a cena con la capogruppo di Sel, cosa avrebbe scritto? E Travaglio? Che prima mette in riga Grillo perché il reato d’opinione è libera espressione democratica e poi, da buon seguace di Lavrentiy Beria ci mette al pubblico ludibrio accostandoci a Scilipoti e Razzi. In ultimo: Fico che si è addirittura inventato una cena tra noi e Civati! Ma chi gliele dice queste cose? Invece di occuparsi della Commissione di Vigilanza Rai, si occupa del gossip serale andando in giro per il quadrilatero del centro di Roma, trattoria per trattoria, magari portandosi dietro anche i paparazzi, a scovare i suoi colleghi parlamentari? Tentano in tutti i modi di metterci il bavaglio, vuoi con finti articoli o dossier, vuoi con “tutti gli onori” costringendoci a ingoiare pillole stile Rommel e contemporaneamente istigando chi, invece del Mauser, usa il mouse». Infine: «Peccato per loro non smetteremo mai di per rendere più chiare le nostre istanze di democrazia e libertà che erano all’origine del Movimento e che ieri sera Fico e Di Maio hanno schiacciato con il loro sorrisetto da bravi ragazzotti».

BUTTATI FUORI - Louis Orellana, Francesco Campanella, Lorenzo Battista e Fabrizio Bocchino sono stati espulsi dal Movimento 5 Stelle dopo la votazione online a cui hanno partecipato 43.368 iscritti certificati, di questi 29.883 hanno votato per ratificare la delibera di espulsione, 13.485 hanno votato contro.

Giacomo Cangi

foto: informazione-e-musica.com; iljournal.it

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews