Eurolega: Milano con un piede fuori dalle top 16

Jaaber, 13 punti ininfluenti per lui (bbd-buddysbasketballdiaries.blogspot.com)

DISFATTA MILANO - Sembrava fatta dopo il girone d’andata, con il +11 che era addirittura striminzito per la qualità e il dominio espressi contro il Power Valencia: esonerato Hussein, arrivato Pesic, gli spagnoli hanno cambiato marcia, dando avvio ad una implacabile rimonta giunta al termine proprio nello scontro diretto. Con il Forum non disponibile, la truppa di Bucchi ha trovato episodica casa in quel di Biella, ma per i tifosi c’è stata davvero poca gloria in una serata forse decisiva per l’intera stagione biancorossa. Incerottati e sempre in emergenza, Mancinelli e compagni non sono riusciti a reggere l’onda d’urto dei valenciani, trascinati dall’impatto fisico di Robertas Javtokas, dalle triple dell’implacabile Martinez e dalle accelerazioni del francese Nando de Colo. Piero Bucchi non trova risposte soddisfacenti dai suoi titolari ed è costretto a puntare sull’effetto sorpresa del giovane Melli, ma ben presto ci si riduce a tentare la sorte con il tiro dalla lunga distanza: Jaaber e Mordente segnano 13 e 12 punti, ma Valencia segna con continuità pur senza impressionare per soluzioni offensive e qualità di gioco espresso. La partita scivola via dalle mani dei giocatori dell’Armani, nonostante una seconda metà di gara in cui Pecherov prova a caricarsi la squadra sulle spalle: come nel tennis, ci si riduce ai vantaggi, con il Power Valencia impegnato a gestire il margine per non ridare vita e speranze a Milano. Il +11 dell’andata si rivela una condanna per il -15 del ritorno: le triple di Hawkins e Jaaber illudono soltanto, mentre Martinez affonda i fendenti contro le indifese speranze milanesi.
Per l’Armani ora c’è la flebile speranza di vincere ad Atene contro il Panathinaikos, augurandosi che il Valencia perda con i già qualificati sloveni dell’Olimpia Lubiana.

SIENA E ROMA - Già qualificate e senza pressioni di sorta, Siena e Roma portano a casa due vittorie che danno senza dubbio morale in vista dei prossimi impegni. Se per i toscani si può parlare di trend positivo che continua ormai da inizio stagione, con il primo posto ormai conquistato matematicamente, per la Lottomatica, in crisi in campionato, questa Eurolega si sta rivelando un vero toccasana. Ancora fuori Charles Smith, ancora dominante Djedovic: l’ala capitolina è un martello costante e la difesa del Malaga non trova altro rimedio che fermarlo con i falli. Il 10/11 dalla lunetta di Djedovic, in collaborazione con i 18 di un volitivo Washington, vale da solo l’allungo romano nel quarto decisivo, con gli spagnoli aggrappati all’impatto nel pitturato di Archibald, abile ad approfittare della giornata no di Crosariol (“virgola” per lui sul tabellino) e della scarsa fisicità di Heytvelt e Dasic. Troppo poco per espugnare il PalaLottomatica: prima Traorè e poi Djedovic ricacciano in basso il Malaga e per Boniciolli c’è altro ossigeno dopo le voci di un suo possibile allontanamento dalla panchina romana.
Anche Pianigiani, solidissimo sia in Toscana che in Nazionale, ha di che sorridere: Malik Hairston continua a mettere minuti nelle gambe dopo gli infortuni che ne hanno condizionato l’avvio di stagione, McCalebb si rivela ogni giorno di più un acquisto che definire azzeccato è dire poco e soprattutto arriva un successo netto, indiscutibile e perentorio contro l’avversario che sinora si era dimostrato il più ostico del girone. L’Ulker Fenerbahce infatti crolla senza appello e gli 11 punti di Lavrinovic e Tomas sono un futile paliativo a fronte dei 29 di scarto a tabellone. Primo posto definitivamente conquistato e con esso anche i favori di ogni pronostico per le Final Four: per quanto visto in questo primo girone, infatti, il Montepaschi, per continuità, killer instinct e stato di forma, è stata la squadra con i voti in pagella più alti. Certo, come sempre succede, il difficile deve ancora arrivare…

Sergio Scariolo, coach del Khimki Mosca (euroleague.net)

ALTRI VERDETTI - Finali thrilling, eliminati eccellenti, emozioni a grappoli. Questa la ricetta dell’ultimo turno di Eurolega! Il CSKA Mosca fallisce l’ultima chiamata per restare in corsa verso le top 16, perdendo malamente contro l’Olimpia Lubiana. A questo punto la dirigenza russa dovrà farsi un bell’esame di coscienza, dopo la rivoluzione estiva e il licenziamento prematuro di un mago della panchina come Dule Vujosevic. Anche i rivali del Khimki di Scariolo hanno poco di che gioire: con un inizio di stagione a dir poco titubante e una squadra mal costruita in cui la partenza di Javtokas destinazione Valencia non è stata adeguatamente compensata, arriva anche l’eliminazione in Eurolega, per mano del Maccabi Tel Aviv. Gli israeliani e la contemporanea vittoria del Caja Laboral all’overtime contro lo Zalgiris (anch’esso qualificato) vanificano i 20 punti di Keith Langford, ultimo ad arrendersi all’infausto verdetto.
All’ultimo respiro si salva invece il Lietuvos Rytas, mantenendosi ancora in bilico dopo la vittoria sulla sirena contro il Barcellona: è Sarunas Jasikevicius, ultimo arrivo in casa Lietuvos, l’uomo della Provvidenza. La doppia doppia con 10 assist viene nobilitata dai punti decisivi, cui il solo Ricky Rubio dalla lunetta non è riuscito a porre adeguata contromisura. Avversari diretti del Rytas per la qualificazione al prossimo turno sono i francesi dello Cholet, favoriti dalla classifica ma messi sotto nel confronto diretto: servirà quindi una vittoria in Turchia per garantire ai francesi un posto alla fase successiva.

Andrea Samele

RISULTATI E CLASSIFICHE

GIRONE A
Zalgiris Kaunas – Caja Laboral 89-95 OT
Partizan – Prokom 61-59
Maccabi Tel Aviv – Khimki Mosca 80-76

Classifica: Maccabi Tel Aviv 8-1*, Partizan 5-4*, Zalgiris 5-4*, Caja Laboral 4-5*, Khimki 3-6, Prokom 2-7.

GIRONE B
Charleroi – Olympiacos 67-80
Lottomatica Roma – Unicaja Malaga 81-75
Brose Basket – Real Madrid 82-75

Classifica: Olympiacos 6-3*, Real Madrid 5-4*, Unicaja 5-4*, Lottomatica Roma 5-4*, Charleroi 3-6, Brose 3-6.

GIRONE C
Cholet – Cibona 81-65
Lietuvos Rytas – Barcellona 88-87
Montepaschi Siena – Fenerbahce Ulker 94-65

Classifica: Montepaschi Siena 8-1*, Fenerbahce 6-3*, Barcellona 6-3*, Cholet 4-5, Lietuvos 3-6, Cibona 0-9.

GIRONE D
Efes Pilsen – Panathinaikos 79-78
Olimpia Lubiana – CSKA Mosca 81-72
Armani Milano – Power Valencia 60-75

Classifica: Panathinaikos 6-3*, Lubiana 6-3*, Efes 5-4*, Valencia 4-5, Armani Jeans Milano 4-5, CSKA Mosca 2-7.

* = squadre già qualificate

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews