Empoli, incendio in una scuola: aule in struttura simile a container

Evacuati mille studenti da una scuola di Empoli dove è scoppiato un incendio: un edificio provvisorio costruito cinque anni fa e diventato, pare, definitivo

L'incendio all'Ipia, l’Istituto di istruzione superiore professionale Ferraris-Brunelleschi di Empoli (www.iltirreno.geolocali.it)

L’incendio all’Ipia, l’Istituto di istruzione superiore professionale Ferraris-Brunelleschi di Empoli (www.iltirreno.geolocali.it)

EMPOLI – Paura a Empoli per un incendio sviluppatosi all’Ipia, l’Istituto di istruzione superiore professionale Ferraris-Brunelleschi, dove sono stati fatti evacuare oltre mille studenti. Le fiamme si sarebbero sviluppate in un edificio staccato dalla costruzione principale della scuola, a causa di un corto circuito di un quadro elettrico. All’interno dell’edificio, però, si trovavano alcuni insegnanti con centocinquanta studenti: alcuni di loro hanno sentito un forte rumore provenire dal basso accanto ad una colonna. In pochi minuti le fiamme hanno raggiunto il tetto della struttura: i ragazzi, sia quelli dell’edificio da cui è partito l’incendio sia quelli della costruzione principale sono stati evacuati, mentre professori e bidelli si sono armati di estintori e hanno provato a spegnere le fiamme.

(www.iltirreno.geolocal.it)

(www.iltirreno.geolocal.it)

LE (PERICOLOSE) SCUOLE D’ITALIA – Nonostante la buona volontà di insegnanti e bidelli, le fiamme hanno distrutto buona parte dell’edificio che era adibito ad aule. La struttura era costruita con cemento e lamiere: si tratta di un edificio provvisorio che è stato costruito cinque anni fa per ospitare alcune aule intanto che si aspettava di ingrandire la costruzione principale. Ma come spesso accade in Italia, le migliorie nella costruzione principale non sono mai state fatte e le aule provvisorie sono diventate definitive, almeno fino ad oggi. Senza contare che gli insegnanti chiedevano da tempo di rimuovere quella struttura simile a un container.

(www.iltirreno.geolocal.it)

(www.iltirreno.geolocal.it)

LE PROTESTE SU “LA BUONA SCUOLA”L’incendio nell’Istituto di Empoli arriva in un momento di alta tensione tra governo e docenti, che non aiuterà di certo il confronto sulla riforma della scuola: i sindacati si sono detti infatti insoddisfatti dall’incontro avuto con gli esponenti del governo e minacciano di bloccare gli scrutini. Secondo il ministro dell’istruzione Stefania Giannini, anche se gli scontri tra sindacati e governo sono molto forti, c’è la volontà di dialogo. Queste le parole di Susanna Camusso, segretario generale della Cgil : «Il mondo della scuola continua a essere mobilitato, sono molte le iniziative. Visto il giudizio non positivo dell’incontro valuteremo quali altre mettere in campo. È chiaro a tutti che il ddl così come è anche rispetto alle poche modifiche apportate è un modello non condiviso nella scuola. Continueremo perciò a batterci per cambiarlo. Abbiamo un ulteriore appuntamento delle categorie assieme al ministro per discutere il ddl con il governo dopo le audizioni. Si commenta da solo il fatto che il governo faccia il confronto dopo l’audizione parlamentare».

Mariangela Campo

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews