Emergenza umanitaria in Africa: nel Saehl sono senza cibo 15 milioni di persone

Saehl - Una crisi umanitaria di portata eccezionale: sono circa 15 milioni le persone affette da malnutrizione acuta nel distretto del Saehl, in Africa. Di questi, 1 milione e mezzo sono bambini tra i 0 e 5 anni. A lanciare l’allarme è l’Unicef  che nei giorni scorsi ha  dato il via a una campagna di raccolta fondi e sensibilizzazione sulla vicenda, coinvolgendo personaggi noti dello spettacolo e dello sport.

La zona del Saehl si trova al centro del continente africano e comprende Mauritania, Mali, Burkina Faso, Niger, Ciad, Senegal, Sudan, Eritrea.  Questo distretto è quasi completamente desertico: due tornate di siccità, una nel 2005 e la seconda nel 2011 hanno provocato una gravissima carestia, con mancanza di cibo e acqua. Qui, il 35 per cento dei bambini, circa 226 mila persone, muore per mancanza di cibo e malnutrizione.

Laddove c’è il cibo, la popolazione si nutre quasi completamente di cereali e non assume proteine e micronutrienti. Inoltre, le giovani mamme non allattano i propri bambini, al contrario, per combattere il caldo torrido somministrano loro acqua o minestre a base acquosa. Ma è proprio l’acqua a rappresentare l’alimento a maggior rischio per la salute: questa spesso è sporca e quindi veicolo di malattie.

Non a caso, gli operatori umanitari al lavoro nella zona stanno pensando di intervenire non solo sul lato sostanziale, fornendo alla popolazione pasticche per disinfettare l’acqua, flaconi di antibiotici, bustine monodose di alimenti terapeutici pronti per l’uso, ma anche sul lato culturale, migliorando la conoscenza alimentare e le abitudini igieniche della popolazione. A questo si aggiunge l’importanza di stabilizzare la zona da un punto di vista politico: il Saehl è da tempo teatro di lotte civili e questo certamente non aiuta il corretto sviluppo economico e culturale della zona.

La portata dell’emergenza è straordinaria: si stima che servano circa 250 milioni di dollari (per il 2012). In un comunicato congiunto Action Against Hunger, Oxfam, Save the Children e World Vision affermano di aver bisogno di 250 milioni di dollari, «ma finora ne sono stati raccolti solo 52». Le Nazioni unite precisano che «dei 724 milioni di dollari preventivati, ne sono arrivati meno della metà e il divario rischia di ampliarsi con l`aggravarsi di un`emergenza che richiederà più soldi per la sua soluzione». Le agenzie hanno chiesto la convocazione di una conferenza in cui «governi e donatori economicamente forti si impegnino a coprire l`intero ammontare di fondi necessari a scongiurare una crisi senza ritorno, che può mietere migliaia di vittime».

Dominga D’Alano

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Una risposta a Emergenza umanitaria in Africa: nel Saehl sono senza cibo 15 milioni di persone

  1. Pingback: Ogni anno in discarica 89 milioni di tonnellate: il cibo che non sfama, inquina | Storie di questo mondo

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews