Elezioni Umbria 2015: Lega e Ncd verso l’alleanza?

Umbria

Ormai ogni giorno il segretario federale della Lega Nord Matteo Salvini ed il presidente del Nuovo Centrodestra Angelino Alfano si lanciano frecciatine a vicenda. Entrambi ribadiscono in ogni occasione utile che la Lega e l’Ncd non saranno alleati. Ma presto i fatti potrebbero già sbugiardarli.

Nella prossima primavera ci saranno le elezioni regionali. E così come nel resto d’Italia, in Umbria si andrà a votare. Se pensate che Lega e Ncd avranno due candidati diversi rimarrete delusi. Il candidato unico del centrodestra, infatti, sarà il sindaco d’Assisi Claudio Ricci. Sarà alleato con il partito di Salvini  mentre Ncd confluirà, secondo i media locali, dentro la lista civica “Umbria popolare”. Sarebbe davvero curioso se Salvini e Alfano dovessero incontrarsi in Umbria per fare campagna elettorale insieme.

Umbria

Il percorso per arrivare a tale soluzione non è stato facile. Un mese fa il coordinatore regionale Udc dell’Umbria Maurizio Ronconi fece sapere che «l’alleanza con la Lega non facilita il confronto, pur auspicato, sulla candidatura civica di Claudio Ricci», «Le incertezze rispetto ad un condiviso programma per l’Umbria l’anti-europeismo, la dichiarata xenofobia, le posizioni demagogiche e qualunquiste, il ruolo di opposizione dura e intransigente nei confronti del governo cui l’Udc partecipa e per ultimo, gli sberleffi nei confronti della scelta del democristiano Mattarella come Presidente della Repubblica, non offrono di certo un valore aggiunto di credibilità alla candidatura di Ricci», «C’è bisogno di offrire chiarezza agli elettori e ancora più di un progetto il cui architrave sia la coerenza e non la convenienza». Ma a meno di clamorosi colpi di scena, alla fine il candidato del centrodestra sarà soltanto uno. Per l’appunto Claudio Ricci.

Nonostante le note antipatie politiche, sia gli esponenti della Lega che quelli di Ncd sanno bene che dividersi in Umbria sarebbe un suicidio. L’Umbria è storicamente una regione rossa e le possibilità di vittoria per il centrodestra sono a priori molto basse. L’unica possibilità è formare una vera e propria coalizione contro il centrosinistra, esattamente quanto successo l’anno scorso a Perugia al secondo turno delle elezioni amministrative. Da una parte c’era il sindaco uscente di centrosinistra Boccali e dall’altra Andrea Romizi. Al primo turno Boccali prese 17.000 voti in più di Romizi, ma al ballottaggio tutto il malcontento si rovesciò sul giovane avvocato di Forza Italia. La legge elettorale a turno unico recentemente approvata dal Consiglio regionale, però, renderà le cose più difficili per Ricci.

Il primo cittadino della città di San Francesco dovrà sfidare il Presidente uscente Catiuscia Marini. Alle elezioni regionali del 2010 la sua coalizione formata da Pd, IdV, Rifondazione Comunista, socialisti e Sel, ottenne il 57,24% dei voti. Il candidato del centrodestra Fiammetta Modena non riuscì a superare quota 37,70%. Il candidato del Movimento 5 Stelle sarà invece Laura Alunni. Maria Rita Lorenzetti, presidente della Regione Umbria dal 2000 al 2010, nel novembre scorso è stata condannata a otto mesi di reclusione dal tribunale di Perugia per falso ideologico.

Giacomo Cangi

@GiacomoCangi

foto: facebook.com; media.tvblog.it

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews