Elezioni europee 2014. Come (non) votano fuori sede e italiani all’estero

elezioni europee 2014

Saranno 51 milioni gli italiani chiamati al voto per le elezioni Europee 2014, dal 22 al 25 maggio 2014. In Italia si vota solo nella giornata di domenica, dalle 7.00 alle 23.00, per eleggere i 173 deputati che sono stati assegnati al nostro Paese. Per votare sarà necessario presentarsi al proprio seggio d’appartenenza con in mano un documento di identità e la scheda elettorale. Ma come votano i fuori sede o gli italiani residenti all’estero?

EUROPEE 2014, COME VOTANO GLI ITALIANI ALL’ESTERO – L’informativa per gli italiani all’estero diffusa dalla Farnesina per le elezione dei membri del Parlamento europeo 2014 è piuttosto chiara e si può riassumere così: Possono votare all’estero per l’elezione dei rappresentanti italiani al Parlamento europeo:

  • i cittadini italiani residenti in uno Stato dell’Unione europea e regolarmente iscritti all’AIRE (Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero);
  • i cittadini italiani ed i familiari con essi conviventi che si trovano temporaneamente nei Paesi UE per motivi di studio o di lavoro, presentando – entro i termini di legge (il 6 marzo 2014 n.d.r.) – apposita domanda al Sindaco del Comune italiano nelle cui liste elettorali sono iscritti.

scheda voto europee

I cittadini italiani all’estero possono votare nei seggi istituiti dagli Uffici consolari, tra giovedì 22 e domenica 25 maggio 2014. Data e orario delle votazioni vengono comunicate all’elettore insieme al certificato elettorale recapitato a casa, sul quale si trova  anche l’indicazione del seggio di voto.

Se l’elettore non riceve il certificato elettorale può, entro cinque giorni dalla data delle votazioni, contattare l’Ufficio consolare competente e richiedere un certificato sostitutivo per  essere ammesso al voto.

Gli italiani in possesso di residenza all’estero possono votare per i candidati del Paese in cui si risiede recandosi presso i seggi istituiti dal Paese di residenza estera. Ovviamente è però vietato il doppio voto: o si vota un candidato italiano o uno locale. In caso invece di elettore italiano residente all’estero o temporaneamente in un Paese facente parte dell’Unione Europea può votare anche in Italia  presso il proprio Comune di iscrizione elettorale se ha precedentemente presentato la domanda di voto all’estero nei termini previsti.

Per i cittadini italiani residenti all’estero, ma in un Paese non membro dell’Unione Europea, l’unico modo per votare sarà quello di presentarsi nel proprio Comune di iscrizione elettorale in Italia.

EUROPEE 2014, COME POSSONO VOTARE I FUORI SEDE - Purtroppo per i fuori sede (lavoratori o studenti)  che vogliono esercitare il proprio diritto di voto in una regione diversa da quella di residenza l’unica alternativa è quella di recarsi nel  proprio comune. Con tutti gli oneri che ciò comporta. Un problema che si ripresenta costantemente ad ogni tornata elettorale e che è stato evidenziato anche questa volta dal Comitato Iovotofuorisedeche denuncia come siano oltre 1 milione i cittadini in mobilità che non potranno partecipare alle elezioni Europee ed Amministrative 2014.

Eppure la soluzione ci sarebbe: basterebbe fare come altri Paesi che riconoscono al cittadino la possibilità di votare venti giorni prima del giorno del voto presso la Prefettura della provincia in cui intende votare, senza essere costretto a tornare nel Comune di residenza. Si chiama early vote e toccherebbe i fuori sede in Italia, ma potrebbe essere esteso agli studenti Erasmus, o a chi si trova temporaneamente all’estero, equiparandoli ai residenti all’estero. Per rivendicare questo diritto il 17 maggio il Comitato Iovotofuorisede ha organizzato una manifestazione in tutte le principali città italiane ed europee per inserire la tutela del diritto di voto in mobilità nella legge elettorale che si discute in Senato.

SCONTI BIGLIETTI PER FUORI SEDE CHE VOTANO EUROPEE - Per i fuori sede sono comunque previsti sconti sui biglietti dei treni per tornare a votare nella città di residenza. Sotto tutte le informazioni per ottenere gli sconti dei biglietti dei treni in occasione delle elezioni Europee 2014 fornite da Trenitalia:

  • coloro che si recheranno nella città sede del proprio seggio elettorale tra il 15 maggio al 4 giugno possono usufruire degli sconti sui biglietti dei treni
  • lo sconto sarà del 70% sul costo base del biglietto e si applica solo su tariffe di andata e ritorno, in seconda classe
  • gli sconti del 70% per le elezioni Europee si potranno ottenere su queste categorie di treni: Frecciarossa, Frecciargento, Frecciabianca, InterCity, InterCity Notte, Espressi – ricordiamo che si applica anche sul servizio cuccette
  • per gli elettori che usufruiranno del trasporto ferroviario regionale lo sconto sarà del 60%
  • per acquistare il biglietto con gli sconti previsti per le elezioni Europee 2014 bisogna recarsi in biglietterie o in un’agenzie di viaggio con documento d’identità e tessera elettorale. IMPORTANTE: per il viaggio di ritorno bisogna esibire il timbro che certifichi il vostro voto elettorale.

COME SI VOTA IN ITALIA E IN EUROPA -  Saranno 751 gli eurodeputati del Parlamento che i cittadini dell’Unione Europea voteranno per la legislatura 2014-2019. Un voto importante, anche se non tutti lo hanno capito, anche perché determinerà (secondo il trattato di Lisbona) anche il prossimo presidente della Commissione Europea, ovvero il successore di Barroso.  Ma ancora più cruciale visto che la maggior parte delle normative e delle politiche a livello nazionale derivano da direttive e vincoli imposti dall’UE. In ciascuno dei 28 Paesi gli elettori si recheranno alle urne in giorni diversi e i seggi verranno distribuiti con sistemi elettorale diversi.

Nell’infografica sotto le modalità di voto, procedure e requisiti per poter capire come si vota in Italia e in Europa per le elezioni Europee.

Valentina Gravina

@valegravi

Elezioni Europee 2014. Il programma della Lega Nord Autonomie

Elezioni europee 2014. Il programma di Scelta Europea e Guy Verhofstadt

Elezioni Europee 2014. Partito democratico, il programma per le europee

Elezioni europee 2014, quando e come si vota. Ecco liste e candidati

Elezioni europee 2014. Il programma del Movimento 5 stelle

come votano i fuori sede

voto dei fuori sede, non residenti nel ..

voto degli italiani all’estero, voto dei residenti all’estero

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

2 Risponde a Elezioni europee 2014. Come (non) votano fuori sede e italiani all’estero

  1. avatar
    Stefano 08/05/2014 a 08:50

    Per chi trova piu’ comoda la macchina aggiungerei che si puo’ sfruttare fino ad un mese prima gli sconti e per il rientro all’estero fino ad un mese dopo le date di votazione. Stesso vale in caso di ballottaggio dell’8 giugno.
    Per la macchina come dicevo le autostrade sono gratuite sempre con tessera elettorale andata e timbrata a ritorno e uguale i trafori (monte bianco e grand san bernardo)

    Rispondi
  2. avatar
    Rosamaria 11/05/2014 a 15:46

    Questo vale per chi abita all’interno dello “stivale”. Como possono pensare che una persona che lavora al Nord si prenda un treno per arrivare a palermo.
    perchè non applicano queste tariffe scontate anche per chi ha bisogno di prendere l’aereo?
    E soprattutto, perchè non ci danno la possibilità di votare in una sede distaccata, il che sarebbe molto più semplice.
    E’ questa la nostra democrazia?

    Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews