Elezioni europee 2014: sondaggi clandestini, la rimonta in ippodromo

sondaggi

I sondaggi ufficiali non sono più pubblicabili, ma qualcosa trapela lo stesso

Bruxelles – Le elezioni europee in qualche paese sono già cominciate. Non così in Italia dove, quasi sull’orlo del “silenzio elettorale”, si vocifera di sondaggi segreti, esposti qua e là sui siti del web con nomi in codice che ne camuffano, formalmente, l’aspetto.

IL DIVIETO – A partire da quindici giorni prima del voto, in Italia è fatto divieto di rendere noti i sondaggi di opinione e di indirizzo di voto relativamente alle consultazioni che si stanno avvicinando. Una mania un po’ italiana, bisogna dirlo, ma comunque una legge solitamente rispettata: l’avvento di Internet ha cambiato qualcosa anche qui, ovviamente, e assistiamo a fughe di notizie più o meno accertate, più o meno veritiere.

FUGHE DI NOTIZIE? – A ben vedere, il divieto è relativo alla diffusione dei risultati, non all’effettuazione dei sondaggi. Le forze politiche stesse, infatti, da sempre continuano a commissionare sondaggi ai professionisti, preparandosi al risultato e cercando di comprendere quali siano i temi più importanti per raccogliere voti.

NUMERI SVIZZERI – La precisione degli svizzeri è nota e, quindi, non stupirebbe che il sondaggio made in Ticino avesse centrato l’esito della consultazione europea, assegnando la vittoria al Pd di Renzi con un sonoro 32%, davanti di sei punti percentuali ai grillini. Sotto quota 20% Forza Italia e al limite del quorum del 4% L’altra Europa con Tsipras.

Corse cavalli sondaggi clandestini

Corse di cavalli o sondaggi clandestini? (polisblog.it)

CORSE DI CAVALLI – Anche su questo fronte c’è una certa stabilità: affidandoci a colori e cifre, si intuisce subito come le corse dei cavalli diano, nel panorama, il risultato più alto ai grillini, accreditati spesso solo di due punti di ritardo dal Pd. Distante Forza Italia e sotto al quorum tanto la lista Tsipras quanto Fratelli d’Italia e Scelta europea.

VATICANO – Cambia qualcosa, invece, dal Conclave: se in precedenza il Cardinale di Firenze era accreditato di oltre 30 vescovi, ora si trova a quota 29, mentre il suo rivale – il Camerlengo di Genova – ne avrebbe conquistati 28; fuori dai giochi per il papato, invece, il Prelato di Monza e Brianza, a quota 19 vescovi e 5 diaconi.
Anche qui sotto il quorum sia il Pope Alexis, sia Sorella Giorgina.

giro

Nairo Quintana, leader del Giro d’Italia in notturna (antena2.com)

GIRO D’ITALIA – Interessante anche il sondaggio sul Giro d’Italia in notturna; anche se è datato al 21 maggio, è suddiviso per circoscrizione e consente un’analisi geografica del voto. Si vede così che, se il Pd/Quintana sfonda al Nord, è in difficoltà al Centro, al Sud e nelle isole, dove Grillo pareggia o sorpassa. L’esito conclusivo sembra comunque dare un netto vantaggio a Renzi ma la suddivisione dei voti comporta interessanti riflessioni.

MA SERVONO DAVVERO? – Sondaggi ed exit poll – intenzioni di voto raccolte presso le urne stesse dalle agenzie – si stanno rivelando sempre meno affidabili; in questi ultimi anni, i risultati italiani previsti si sono spesso discostati dal computo uscito dalle urne. Il boom del Movimento 5 Stelle dello scorso anno ne è un esempio: i grillini si sono ritrovati nelle urne tre-quattro punti percentuali in più di quanto previsto nei sondaggi più generosi, una vera sorpresa per molti.
Servirebbe un’analisi matematica e statistica attenta, certo. A voler essere banali, però, potremmo semplicemente dire che l’Italia è un paese in cui molti decidono nell’urna, altri scherzano nel segreto del sondaggio e qualcuno decide di andare a votare e si presenta al seggio in dieci minuti, improvvisando un po’ la sua partecipazione politica. Il quadro per un sondaggista, quindi, non è affatto semplice.

Andrea Bosio
@AndreaNickBosio

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews