Elezioni 2013, il voto nei comuni più piccoli d’Italia

Il panorama di Pedesina, il comune più piccolo d'Italia (Da la Repubblica)

Pedesina (Sondrio) – Gli italiani che si recano in questi due giorni di elezioni alle urne sono, almeno gli aventi diritto, circa 50 milioni. Di questi, quasi 8 milioni sono solo in Lombardia. Ed è proprio da un piccolo paesino lombardo che parte questo insolito viaggio alla scoperta del voto più curioso: quello dei cinque comuni meno popolati d’Italia.

Pedesina (Lombardia, Sondrio) - Deliziosamente incastonato tra le spalle del Pizzo Rotondo, a poco più di 1.000 metri sul livello del mare e a qualche chilometro di distanza dal confine con la Svizzera, conta appena 32 abitanti. Dopo aver toccato il suo picco di popolazione nel 1911, con ben 281 abitanti, è iniziato il lento declino, culminato con i 30 residenti del 2011, e che sono aumentati di due unità. Nel 2009 ha eletto il sindaco Valentino Maxenti con 27 voti, su un totale di 29 votanti, che rappresentano un’affluenza del 69,05% sui 42 aventi diritto. Ventidue di ventotto preferenze, invece, a PdL-Lega.

Morterone (Lombardia, Lecco) - Alle pendici di quel Monte Resegone che tutti ricordiamo nella citazione che Manzoni ne fa in apertura dei Promessi Sposi, Morterone conta appena 36 abitanti. Di questi, 31 sono quelli che nel 2009 avevano facoltà di voto, e la totalità di essi si recò a votare per scegliere il primo cittadino, tra due candidati della stessa famiglia: Antonella Invernizzi, sindaco uscente, e Riccardo Amerigo Invernizzi, pronipote della “sindachessa”, che si aggiudicò la contesa con 16 voti a 14. Di quei 31 votanti, dodici divennero consiglieri. Quasi un cittadino su due, era anche parte integrante dell’amministrazione comunale. Quando si dice gli sprechi! Per la cronaca, il 13 aprile 2008 vinse Berlusconi, con 13 voti a 8 su Veltroni, 62% delle preferenze.

Moncenisio (Piemonte, Torino) - Direttamente confinante con il comune francese di Lanslebourg-Mont-Cenis, il piccolo borgo a 1.500 metri di quota ha vissuto in pieno i grandi cambiamenti nello scacchiere politico europeo: dapprima passaggio obbligato dall’Italia alla Francia, divenne isolato con la costruzione, più a valle, della strada transnazionale voluta da Napoleone, e sul finire della Seconda guerra mondiale, mutò nome da Ferrera Cenisio nella denominazione attuale. Ferrera è rimasto, tuttavia, nella memoria storica dei pochi residenti, e anche nei nomi delle tre liste elettorali che nel 2009 si sono contese 35 dei 38 votanti, ripartiti poi in 19, 10 e 6 preferenze. Qui, contrariamente agli altri comuni, prevalse Walter Veltroni con 14 voti a 9 contro il Cavaliere.

Briga Alta (Piemonte, Cuneo) - Piaggia, Carnino e Upega. Sono tre frazioni, distanti chilometri e isolate tra di loro in inverno, che tuttavia costituiscono il comune di Briga Alta, all’estremo meridione piemontese, diviso nel 1947 dalle spartizioni tra Italia e Francia, e che conta, ufficialmente, 44 abitanti. Ufficialmente, perché secondo il Ministero dell’Interno, alle elezioni comunali del 2009, gli aventi diritto al voto brigaschi erano “ben” 139, ma i votanti effettivi furono 49, in linea cioè con gli abitanti riconosciuti dall’Istat. Anche qui, tre liste presenti, senza espressioni politiche ma con connotazione civica. Alle scorse politiche, fu Silvio Berlusconi il più votato, con l’81,5% delle preferenze (22 su 28 complessive).

Menarola (Lombardia, Sondrio) - Prossimo ai comuni svizzeri (Cantone Grigioni) di Lostallo e Soazza, Menarola è il più occidentale dei comuni della Valchiavenna, e conta soli 46 abitanti. Tra una nevicata e l’altra – nonostante l’altezza sul livello del mare non particolarmente rilevante  di 720 metri – anche qui le liste civiche la fanno da padrona, mentre nel 2008 la coalizione PdL-Lega Nord ottenne 26 delle 34 preferenze espresse.

Stefano Maria Meconi

@_iStef91

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews