Egitto al voto: riaperti i seggi. I “pii” Fratelli sono pronti alla vittoria

elezioni-egitto

ansa.it

Il Cairo – Si sono riaperti alle 8 locali (le ore 7 in Italia) i seggi per la seconda giornata di voto nel primo turno delle legislative, in Egitto. E’ quanto riferisce la tv di Stato. Questa turnata è la prima che si celebra dopo la caduta del presidente Hosni Mubarak nel febbraio scorso. Il complesso sistema elettorale imporrà il prolungamento della elezioni fino ai primi mesi del 2012.

Primo giorno - La prima giornata elettorale, ieri, si è svolta nella calma, malgrado gli oltre 17 milioni di persone (in nove governatorati tra Cairo, Alessandria, Luxor) che sono affluite alle urne in un clima politico incandescente già segnato, nei giorni scorsi, da forti polemiche, cariche armate della polizia e dimissioni del governo in carica. I seggi si sono aperti regolarmente, anche se in alcuni casi, il voto è stato ritardato per il mancato arrivo dei giudici chiamati a supervisionare la correttezza del voto.
Secondo le previsioni, i partiti con più possibilità di diventare guida del futuro governo egiziano sono quelli islamisti. Primo tra tutti, Giustizia e libertà dei Fratelli musulmani, organizzazione radicata sul territorio ed impegnati da anni nel sociale. Il fine: proporsi come promotori di un partito religioso vicino ai bisogni della popolazione. A tale fine, i Fratelli musulmani si sono ripensati come ideatori di una campagna promozionale per la distribuzione di prodotti alimentari. Ragione per cui molti elettori sembrano gradirli e motivare la scelta di voto non sulla base delle capacità politiche del partito ma per la natura “pia” dei suoi esponenti.

I Fratelli musulmani sono consapevoli dell’importanza della partita: il nuovo parlamento egiziano non godrà di grandi poteri e non potrà sfiduciare né il governo che salirà in carica né i singoli ministri. Ruoli, questi, che la Costituzione attribuisce solo al Presidente della Repubblica. Il compito del parlamento, dunque, sarà di scegliere i cento componenti dell’assemblea costituente, che dovrà riscrivere la costituzione egiziana.

Per conoscere i risultati del voto popolare occorrerà attendere fino alla metà di gennaio anche se l’esito dei ballottaggi, che assegneranno un terzo dei seggi, sarà divulgato con il procedere dello spoglio delle schede.

Chantal Cresta

Foto || ansa.it;

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews