Ecco la prima superoina musulmana: Kamala sarà ms Marvel

Una delle prime immagini di Kamala, supereroina musulmana e di origine pakistana (bestlittlesite.com)

Una delle prime immagini di Kamala, supereroina musulmana e di origine pakistana (bestlittlesite.com)

Kamala sarà la prima supereroina di fede musulmana in casa Marvel: lo ha annunciato la casa editrice, presentando la protagonista della nuova serie di fumetti che sarà in edicola dal prossimo febbraio. Si tratterà di una teenager statunitense di origini pakistane, che trasformerà la sua lotta contro i “cattivi” di turno anche in uno sfogo per la situazione famigliare non semplicissima.

Kamala Khan ha sedici anni, vive a Jersey city ed  figlia di immigrati pakistani: di giorno si dedica allo studio alla quale è spinta dal padre, ansioso perché lo completi con ottimi risultati e diventi medico, mentre deve anche tenere a bada le ansie della madre – timorosa di un’improvvisa gravidanza della figlia – e gli eccessi conservatori del fratello tradizionalista. Tolti i panni della studentessa, però, Kamala vestirà quelli di Ms Marvel, scoprendo di poter cambiare forma e riprendendo la tradizione di Capitan Marvel, il supereroe di maggior successo negli anni ’40, quando vendeva molto più di personaggi ora famosissimi, come Superman e Batman.

La creatrice di questo nuovo fumetto è Sani Amarat e ha raccontato al New York Times la genesi della nuova eroina: «Captain Marvel è il suo ideale. È forte, bellissima e senza il bagaglio dell’essere pakistana e diversa dagli altri». Ovviamente la storia che verrà narrata avrà la sua radice anche nella complessità multiforme della società americana, sempre più policulturale:  «questa serie  - ha spiegato ancora Amanat - propone il desiderio di esplorare la diaspora musulmano-americana da una prospettiva autentica».
Ma le critiche non tarderanno: ne è sicura anche Amanarat, che ha dichiarato come arriveranno «non solo da anti-islamici ma anche da musulmani che non vogliono vedere un personaggio ritratto in quella particolare luce».

Supereroi al femminile sono molto frequenti in questi ultimi anni, così come un certo cambio nelle tematiche: Batwoman, lesbica, sta affrontando la sfida del matrimonio, avvicinandosi ad argomenti di scottante – e bruciante – attualità, che comportano anche il sollevarsi di dure critiche.

Andrea Bosio
@AndreaNickBosio

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews